IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, airone cinerino alla foce del Letimbro

Più informazioni su

Savona. Un magnifico esemplare di airone cinerino ha fatto la sua comparsa ieri pomeriggio alla foce del torrente Letimbro. I consiglieri consiglieri provinciali di minoranza Nicolick, Bracco e Bellasio proprio in questi giorni hanno chiesto all’amministrazione di avviare l’iter amministrativo per l’istituzione dell’oasi faunistica protetta nel tratto terminale del torrente savonese, in ragione della presenza di specie animali sia stanziali che migratorie.

[image:9465:c:s=1]

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. ombra
    Scritto da ombra

    Qui non c’entra nulla essere cacciatori o animalisti, sono STATI importanti sia i voti degli uni come degli altri, basta illudersi di sapersi barcamenare sia a destra che a manca, fin che il gioco regge…..
    E’ già iniziata la caccia all’ illusoria riconferma della poltrona vacillante da tempo, e giocoforza, ai suoi derivati, rappresentati in corposi gettoni di presenza che, troppe volte, somigliano a 30 denari.
    Gli Elettori hanno il diritto di cominciare la propria campagna elettorale, possibilmente senza lordare i muri della città o della provincia.

  2. Scritto da LUCIANO PESCETTO

    Dai resoconti giudiziari la verità è ben diversa da quella riportata dal Nicolick: i gattini erano appena nati e con gli occhi chiusi ed ormai moribondi, dopo che i volontari avevano fatto di tutto per salvarli ed alcuni li avevano salvati con grande fatica; tali interventi estremi non venivano infine condotti di nascosto ma registrati e motivati; lo hanno dichiarato tutti i testimoni, anche quelli dell’accusa, salvo quanto detto da un bambino!
    L.P.

  3. Scritto da Nuzza Mario

    Durante le scorse elezioni politiche il signor Nicolick ha frequentato attivamente l`infopoint dell’onorevole Orsi, massimo sostenitore delle lobby venatorie e cacciatore di caprioli lui stesso.
    Ma almeno Orsi non fa mistero di questa sua scelta!
    Magari Nicolick vorrà farci credere che lo frequentava per convertirlo al suo strano animalismo.
    Mario N.

  4. roberto nicolick
    Scritto da roberto nicolick

    L’ipocrisia mi piace ancora meno, soprattutto quando viene usata per tacitare la gente e coprire reati di crudelta’ contro gli animali , cose orrende come l’uccisione di gattini di pochi mesi.
    Un conto e’ avallare delle firme false, altra cosa e’ prendere dei cuccioli, inermi e indifesi, metterli in una cameretta a gas e ucciderli. Mi pare che ci sia una sostanziale differenza. La vita e’ sacra e nessuno di noi deve arrogarsi il diritto di toglierla.
    Chi ha commesso queste uccisioni ha come aggravante, morale, il fatto che avrebbe dovuto “proteggere gli animali”
    Inoltre , la cappa di omerta’ era talmente forte che sono dovuti intervenire degli agenti zoofili da Torino, per scoprire il pentolone e far venire a galla tutto il marcio.

    Sull’ambientalismo della sinistra ho fortissimi dubbi: cara Milena D. chieda ai Cittadini di Vado Ligure che opinione hanno del Sindaco di sinistra Giacobbe e della giunta di sinistra, che sta spingendo con forza sul progetto della megapiattaforma Maerks, forse le risposte non le piaceranno tanto, ma sicuramente le daranno dei dati oggettivi in piu’.
    Inoltre, io non vado a caccia e mai ci sono andato, neppure faccio parte della lobby dei cacciatori….

  5. urogallo
    Scritto da urogallo

    Chi è senza peccato. scagli la prima pietra e, puntualmente la pietra è stata scagliata.
    Non è ben chiaro cio’ che a quei tempi poteva significare per il Signore: non esisteva ancora il patteggiamento.