IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione, ticket: arrivano 12 milioni dal governo

Regione. Soddisfazione è stata espressa dall’assessore regionale alla Sanità, Claudio Montaldo, per la decisione del governo di coprire i mancati introiti derivanti dalla non riscossione dei ticket sugli esami diagnostici e pari, per la sola Liguria, a 12 milioni di euro.

“Il governo ha fatto retromarcia decidendo di coprire interamente il mancato introito del ticket di 10 euro – ha annunciato Montaldo – come aveva fatto lo scorso anno il governo Prodi e come richiesto con grande determinazione da tutte le regioni”.

Ha concluso poi l’assessore: “Esprimo grande soddisfazione per un risultato che evita ai cittadini liguri e alle casse della Regione un costo di 12 milioni di euro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Bisognerebbe “conoscere” quanto oggi incassano le regioni per ticket sanitari.
    .
    Quanto mediamente paga un cittadino qualsiasi.
    .
    Quanto … per fasce di eta’.
    .
    Quanto ….
    .
    Ma questi dati non si possono reperire da qualche parte ovviamente senza i nomi, sarebbe interessante averli a disposizione (uniti alla parte del codice fiscale che non identifica la persona).
    .
    Dovrebbero essere disponibili, sono dati pubblici, cosi’ magari ci si inventa una qualche “redditizia” attivita’ assicurativa.

  2. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Cosa puo’ chiedere un assicuratore privato per coprire l’eccedenza di “spesa sanitaria per ticket” rispetto ad una franchigia di …. 300 euro annui?

  3. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Il ticket sulle spese di chi sta’ male e’ un qualcosa di odioso.
    .
    Ma non voglio discutere sulla opportunita’ o meno di gravare economicamente sui malati ma sul momento in cui questo balzello deve manifestarsi.
    .
    Oggi in momenti in cui le riserve valutarie (delle famiglie) sono in crisi puo’ curarsi con una certa tranquillita’ solo chi e’ esente da questi costi, chi e’ tenuto a “pagare” nuovamente per un servizio che ha gia’ pagato con la tassazione ordinaria il piu’ delle volte si trova a risolvere il dilemma mi curo o … lascio perdere che devo affrontare spese piu’ urgenti (e mi vengono in mente le tasse per …. i fuochi di artificio ….. cui pare non si possa rinunziare).
    .
    Ho gia’ speso un sacco di soldi per i ticket di una persona cara, ed ora che tocca a me’ …. meglio rimandare.
    .
    Oltretutto il pagamento di questa gabella comporta spese accessorie notevoli la coda alla cassa non e’ mai inferiore ai venti minuti piu’ il tempo per raggiungere la cassa.
    .
    Ora io vorrei che a pagare fossero solo le persone sane,
    .
    Si cura la malattia si prelevano i medicinali necessari, si fanno le analisi ritenute idonee e periodicamente (magari nella primavera dell’anno successivo si riceve il conto del dovuto …. con l’elenco delle prestazioni cui si e’ tenuti a contribuire, si inserisce nel modulo UNICO e si procede al pagamento.
    .
    Se nel frattempo il paziente “muore” vuole dire che le cure non sono state giuste …… il non pagare e’ doveroso.
    .
    Inoltre questo conto potrebbe essere fonte di lavoro per qualche compagnia assicurativa che …. potrebbe assicurare la parte di questo conto che eccede una “franchigia”.
    .