IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rassicurazioni dal ministro Maroni: “Le Province non spariranno”

Provincia. “Le Province non possono essere abolite, perché garantiscono una rete di servizi, ma laddove ci sono le città metropolitane, queste le sostituiranno”. Così il ministro Maroni all’assemblea dell’Anci, parlando delle città metropolitane, che faranno parte del codice delle autonomie. “Definiremo confini e delimitazioni delle nove città metropolitane, che non hanno mai avuto attuazione, evitando di creare Province bis. Dovrà essere comunque il sindaco a governare il territorio, anche rispetto alle comunità montane. Il nostro compito è di eliminare i modelli intermedi, che invece di semplificare, complicano il sistema”.

Il ministro ha anche lanciato la proposta di trasformare le Prefetture in front office del governo centrale per i cittadini. “Questa idea delle Prefetture – ha detto – è coerente con il disegno federalista che stiamo portando avanti. Abbiamo di fronte una stagione piena di sfide per tutti a prescindere dal colore politico. Dobbiamo dare al sistema più efficienza e maggiori servizi ai cittadini. Specie sul territorio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    X AT
    Ero di corsa …
    Se la tua squadra e’ finita in “C” sei portato a trovarne una di riserva in attesa che torni in “A”.

    Personalmente credo siano da sfoltire pesantemente i comuni scaricandone le competenze alle provincie ….. la piu’ piccola unita’ amministrativa dovrebbe essere quella in cui si svolge generalmente la vita di una popolazione, un comune cresce e raggiunge quello vicino, si uniscono e ne fanno uno solo, e cosi’ via ….. oggi ci si sposta con la massima facilita’, si lavora in un comune e si fa’ la spesa in un altro, liberi di scegliere ….. ma per la parte amministrativa si deve ricorrere a quella “piu’ scomoda”.

    Personalmente vorrei chiudere tutti i comuni e tenermi care le provincie cui rifilare tutte le competenze che non si possono cancellare.

  2. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    x AT
    Mi spiace Ciao

  3. Scritto da antonio gianetto

    Questo è stato tratto da un articolo del Times e riportato da il sole 24Ore:
    “””Il commentatore fa anche un po’ di autocritica, ma solo per dare l’affondo: «Dite quello che volete della nostra teppa inglese, violenta e piena di birra, ma, con i tatuaggi e tutto il resto, avrebbe capito che specie di uomo è Berlusconi in un istante». “”””
    Se la redazione fa passareb il link, l’ articolo è qui:
    http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Mondo/2008/07/giornali-esteri-rassegna-stampa.shtml?uuid=6492a4b4-5ee5-11dd-bfcc-ff3efaf483bf&DocRulesView=Libero

  4. Scritto da AT

    “Magari avrà anche ragione, magari verrà veramente snellito il funzionamento di questo “baraccone” amministrativo con funzioni sistemate sempre nel posto sbagliato ma ….. sono troppi i comuni, le circoscrizioni, le provincie, i parlamentari, i professori ed i maestri, sono in troppi a poter legiferare, a decidere di aprire un corso universitario con un solo allievo e tanti professori da 3300 euro al mese.

    Insomma oggi
    una manifestazione a Roma vuole mantenere questo stato di cose,”

    X Lui:
    tanto mi aveva appassionato la discussione sul rimborso spese tanto mi fa cadere le braccia questo commento !!!
    Ma non puoi fare di tutta l’erba un fascio (ops, si potrà ancora dire ???).
    Scusa ma hai rimescolato i pensieri e li hai buttati giù a caso ?!?!?

    Non si può nemmeno commentare, un ministro che chiaramente e candidamente ammette di aver preso in giro gli elettori e noi a pensare forse di aver capito male ???
    Ma come si fa a dare ancora fiducia a certa gente che fa a gara per vedere chi riesce a spararla più grossa e vedere in quanti ce la crediamo ???
    MA basta va !!!!

    P.S: bannatemi anche questo !!!

  5. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Poco prima delle elezioni ci fu un annuncio video, dove veniva dichiarato: via le province:

    il giornale.it n. 256 del 2008-10-25
    “Ridurremo di metà la casta” “La riforma elettorale è il meno. Dobbiamo ridurre della metà la casta, cioè il numero delle persone che vivono di politica. Secondo alcuni calcoli, si tratta di circa 300mila persone. Dovremmo ridurre della metà il numero dei parlamentari, quello dei consiglieri regionali e comunali, dovremo abolire le province e quasi tutte le comunità montane”. Afferma ancora il leader del Pdl in una intervista a Panorama. E poi, aggiunge, “superamento del bicameralismo, più poteri al premier, federalismo. Tutte riforme per consentire che il governo possa veramente governare e il Parlamento varare le leggi senza impiegare tempi biblici”.

    e il bollo auto:
    ILSOLE24ORE.COM > Elezioni Politiche 2008 12 Aprile 2008
    Berlusconi: «Via il bollo auto a metà legislatura»
    Abolizione del bollo su auto, moto e ciclomotori: è questa la “sorpresa” che Silvio Berlusconi annuncia a «Matrix». Il Cavaliere ci mette un po’ per tirarla fuori. Mostra estrema cautela prospettando la misura da metà legislatura: «Sarà un intervento graduale», dice. La stima del mancato gettito è di 4 miliardi di euro. «Sarà un intervento graduale», spiega, lasciando capire che per realizzarla sarà necessario fare i conti.

    Per il bollo auto si parla di un intervento di meta’ legislatura …. e’ un problema di soldi che non entreranno …… la cosa ha una sua giustificazione ….. vediamo.

    Per la riduzione della casta il problema e’ piu’ pressante qui si tratta di evitare l’uscita di denari, prima si parte e meglio e’ …… spero Maroni venga smentito (e lo dico con simpatia ….).

    PS riposto il messaggio gia’ postato alle 17,51 e li’ in attesa …. verra’ poi censurato, lo riposto senza i link agli articoli.

    Il messaggio con i link verra’ cancellato in virtu’ di un regolamento che mi invitano con una mail a leggere ….. se tento di leggerlo esce … nulla …. avverto la redazione di questo errore ma non rispondono …… chissa’ magari ricevero’ la descrizione del mio errore tra queste righe.

    Ma mi sorge un dubbio ….. Gianetto ha inserito il link ma il messaggio non e’ stato cancellato.