IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ex indotto Ferrania: in 16 trovano lavoro

[thumb:4639:l]Provincia. Nuovo lavoro per 16 dipendenti in cassa integrazione di aziende dell’ex indotto Ferrania grazie al progetto L.i.Fe (Lavoratori indotto Ferrania) promosso dalla Provincia di Savona. Numerose le imprese attivamente impegnate prima nell’aprirsi a esperienze di formazione e, in seguito, all’assunzione di coloro che avevano partecipato ai corsi.

“L’idea del progetto è nata con obiettivo di facilitare il reinserimento di lavoratori che hanno subito gli effetti della crisi di quello che per decenni è stato l’indotto della Ferrania – spiega Franca Ferrando, assessore provinciale alle Politiche attive del lavoro – e debbo dire che i risultati ottenuti non solo confermano la validità del progetto, ma lo pongono come modello per ulteriori interventi”.

Su 20 partecipanti ai corsi, ben 16 hanno trovato lavoro e di questi, 14 con contratto a tempo indeterminato: il progetto L.i.Fe si pone quindi non solo una soluzione ai problemi occupazionali per questi lavoratori, ma un valido esempio di quanto possano produrre azioni sinergiche del soggetto pubblico e il mondo dell’impresa a favore di un’area ancora fortemente caratterizzata da situazioni di crisi qual è la Val Bormida.

Per la disponibilità ad ospitare i periodi di formazione le imprese hanno ricevuto contributi (definiti “voucher formativi”) di 500 o mille euro per ciascun partecipante, così come altri incentivi economici sono stati erogati a quegli imprenditori che al termine del percorso formativo hanno deciso di assumere il lavoratore. In particolare, il progetto L.i.Fe prevedeva un contributo di mille euro per ogni assunzione a tempo determinato e 5mila nel caso il contratto fosse a tempo indeterminato.

“Anche se non determinante per decidere un’assunzione, senza dubbio l’incentivo è stato un fattore importante, specie in periodi come quelli attuali per il mondo dell’impresa” spiega Franco Dell’Amico, responsabile della Cabur Srl di Altare. Oltre cento dipendenti, specializzata in costruzioni elettromeccaniche la Cabur è una delle aziende che hanno fornito la propria disponibilità agli stages e che, al termine del periodo, di formazione ha deciso di assumere il lavoratore. “Una scelta di cui siamo soddisfatti e che è stata fatta al termine di un periodo di esperienza in azienda – spiega Dell’Amico – estremamente formativo e utile per la figura professionale che poi abbiamo deciso di assumere”.

In un territorio in cui nel 2004 le aziende rappresentavano un bacino occupazionale di 9790 unità poi sceso nel 2005 a 7783 per risalire, infine, nel 2006 a 8820 e dove l’instabilità dei posti di lavoro resta un grave problema, questo piccolo ma significativo risultato appare veramente degno di essere assunto a modello.

“Ero in cassa integrazione da qualche tempo, adesso sono assunto a tempo indeterminato e faccio un lavoro che mi piace” dice Claudio Gandolfo che al termine del periodo di formazione è stato assunto dalla C.B. Logistica di Cairo Montenotte. Carlo Berchio che della C.B. Logistica è il titolare è anch’egli convinto che quello applicato “è il sistema giusto. Il lavoratore fa esperienza diretta, impara, in azienda lo si conosce e nel nostro caso lo si apprezza. Se poi arriva l’incentivo devo dire che non guasta affatto. Ci guadagna l’azienda che ha personale valido e il lavoratore che trova un posto in grado di soddisfarlo”.

Nell’ambito del progetto che presenta costi contenuti rispetto ai risultati conseguiti, era stato previsto anche un rimborso spese a favore del lavoratore pari a 300 euro per ogni mese trascorso in azienda nel periodo di formazione.

“Credo davvero che questa, come del resto le altre promosse dalle Politiche attive del lavoro e formazione, sia un’iniziativa i cui risultati smentiscono ogni critica strumentale e infondata sulla validità di quanto la Provincia fa sul fronte dell’occupazione e della formazione-lavoro – afferma l’assessore Franca Ferrando – e su come vengono impiegati i fondi. Inoltre credo che l’aver ottenuto questo risultato in un’area della nostra provincia come la Val Bormida assuma un ulteriore significato simbolico oltrechè concreto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.