IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piano Rifiuti: l’assessore Filippi risponde ai commenti dei lettori

[thumb:3642:l]Provincia. A seguito dei commenti che i miei precedenti interventi su IVG.it hanno suscitato vorrei fare qualche precisazione. A chi ha proposto di differenziare i rifiuti a valle della raccolta, per non provocare disagio ai cittadini vorrei chiarire che, pur essendo una tecnica che da qualche parte (ad es. in Israele) trova una sua applicazione, ha alcuni punti deboli di fondo.

Anzitutto la differenziazione che si opera produce frazioni marcatamente inquinate da residui di altre frazioni. Ciò fa sì che sia difficile il riciclaggio. Inoltre tutto il processo esclude i Comuni: infatti, se la differenziazione è (a monte della raccolta, con il “porta a porta” ove possibile), i Consorzi di filiera, cioè le organizzazioni delle aziende che riciclano i diversi materiali, ritirano gratuitamente gli stessi e danno ai Comuni un corrispettivo (una tonnellata di plastica non inquinata può essere pagata 200 euro, una di alluminio 500 euro). Non è altro che la ridistribuzione di quel “contributo CONAI” che molto spesso si trova indicato sulle fatture di acquisto e che riguarda gli imballaggi della merce.

Inoltre, nella differenziazione fatta a monte è intrinseco un elemento sociale e culturale di valenza estrema: i cittadini sono coinvolti direttamente, sono protagonisti di un progetto di civiltà, di tutela ambientale, di un superiore grado di cultura, non passivi ed inconsapevoli sversatori, in squallidi e maleodoranti bidoni, di materiali “rifiutati” la cui sorte non interessa a nessuno.

Il “modo fastidioso” di cui parla l’interlocutore diventa così un’attività consapevole e positivamente accettata, perchè porta con sè partecipazione attiva al progetto. In questi anni ho spesso sentito dire dai politici che bisogna fare le cose che non creano disagio alla gente, perchè si rischia di perdere consensi elettorali. Io sono convinto che, se una cosa è buona, debba essere spiegata chiaramente a tutti e debba essere fatta perchè vale per se stessa, senza tanti calcoli. Anche di qui passa la “dimensione educativa” della politica, cui personalmente tengo molto e che è quasi sempre ignorata.

A chi ha dubbi sul metodo del “porta a porta”, poi, voglio dire che esso ha infinite applicazioni e varianti specifiche a seconda del contesto urbano in cui deve essere praticato. Si tratta di studiarlo bene ed è importante che lo studio lo facciano degli specialisti e non solo i tradizionali operatori del settore, usi unicamente a “raccogliere, trasportare e sversare”. Troppo spesso ci si improvvisa esperti di p. a p., mentre non se ne conoscono neppure i criteri e gli scopi fondamentali. Si tenga comunque presente che il p. a p. si attua anche in situazioni di difficoltà logistiche particolari, come ad esempio nel centro storico di Venezia.

Qualcuno si chiede, a buon diritto, perchè nuove discariche. Il Piano Provinciale prevedeva inizialmente che la gestione dei R.S.U. (rifiuti solidi urbani) si articolasse su due poli: uno a levante, incentrato sulla discarica del Boscaccio a Vado Ligure, con l’aggiunta di un impianto di compostaggio industriale ed uno di CDR, l’altro a ponente, in località Vallemagna -Cianciarin (in territorio di Albenga e Ortovero, ma al confine con Arnasco), con relativo impianto di CDR, mentre l’impianto di compostaggio era già in costruzione nelle vicinanze, a Villanova di Albenga. Il tutto sarebbe quindi risultato ben bilanciato sul territorio della Provincia.

La discarica di Cianciarin doveva servire non per stoccare il “tal quale”, ma per interrare in modo controllato i residui inertizzati della produzione di CDR. Ma il rifiuto pregiudiziale di molti locali affetti dalla sindrome del “sì, ma non nel mio giardino”, una valutazione, a mio avviso, tecnicamente discutibile da parte della Regione circa l’idoneità del sito, una pesante campagna pseudo-politica di ostruzionismo e di deformazione svolta dall’opposizione sul territorio e in Consiglio provinciale, interessi particolaristici, opportunismi politici e quant’altro; tutto ha fatto sì che l’ipotesi di Cianciarin venisse di fatto accantonata. Nel frattempo avevo svolto, ma senza risultato, la ricerca di siti alternativi di cui ho parlato.

Oggi il Comune di Savona ha propone una discarica nel sito di Passeggi, laddove i rifiuti dovrebbero subire un trattamento di biostabilizzazione, con produzione di biogas e recupero energetico. Possiamo certamente discutere sull’opportunità o meno di questa nuova discarica, anche perchè cambia i termini del Piano sotto il profilo logistico.

Ad oggi, comunque, l’iter autorizzativo non è ancora avviato: dovrebbe iniziare con l’approvazione in Giunta di quella “variante” al Piano di cui tutti parlano e che, oltre a Passeggi, dovrà contenere sia la specificazione del ciclo del CDR con l’inserimento del processo di “gassificazione” sia, per l’immediato, l’ampliamento del Boscaccio, che farebbe fronte subito allo smaltimento dei rifiuti del ponente della Provincia. Di questi due ultimi elementi, il primo è essenziale per dare completezza tecnica al Piano ed evitarne il minacciato commissariamento, le cui conseguenze potrebbero essere devastanti per l’impianto complessivo del Piano. Il secondo è indispensabile in relazione alle urgenze del momento.

Per concludere, vorrei osservare che, per il suo governo, la società è divisa in istituzioni diverse, Comuni, Province, Regioni, Stato ed altre collaterali. Ad esercitare le attività di governo vanno persone proposte dai partiti ed indicate dagli elettori, persone che sono, o si dicono, esperti di “politica”, cioè della greca polis tuch’, l’arte di governare la città. I problemi che riguardano la collettività sono infatti per antonomasia problemi “politici” ed i politici hanno il dovere istituzionale di indicare strade e metodi per risolverli nel modo migliore. Sono stati scelti proprio per fare questo. Chi si dichiara ” non disponibile a farsi dire da un politico ciò che deve fare” rischia di confondere il pubblico col privato, la libertà con l’anarchia.

Caso mai si tratta di vedere se le scelte sono corrette, se quei politici hanno lavorato per il bene comune e non solo per interessi di parte. Ma le scelte devono essere rispettate. Se poi un problema ha una dimensione tecnica prevalente, il politico deve cercare l’aiuto di esperti e, soprattutto, non tentare di stravolgere, per convenienze di parte, le indicazioni ricevute; tanto meno di forzarle a proprio vantaggio.

Comunque, se ciò può rasserenare chi mi legge, io non sono un politico di carriera, faccio il geologo da quasi 45 anni e sono in prestito alla politica per la prima e, probabilmente, ultima volta nella mia vita.

Giampietro Filippi,
Assessore ai rifiuti della Provincia di Savona

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Mi giunge segnalazione che pochi minuti fa’ un servizio in TV mostrava il progetto di raccolta differenziata sviluppato a Varese e che entrera’ in funzione nei prossimi mesi per circa 5000 famiglie.

    Pare che cassonetti interrati (non si vedono) legati ad un piccolo totem che mette a disposizione la possibilita’ di fornire i vari rifiuti in forma differenziata entrera’ presto in esercizio:
    vengono acquisiti i rifiuti ed inseriti nel cassonetto giusto, interrato, grazie alla scheda famiglia viene contabilizzato il conferito …… e poi …… si paga a conferito.

    Che dire? ecco una bella notizia costera’ troppo? boh non lo so’ ma di certo in questo modo i rifiuti diminuiscono alla fonte e la gestione successiva diventa meno pesante.

    Inoltre se i cassonetti spariscono (sia quelli in strada che quelli che ci vogliono rifilare in casa) …… e’ impagabile.

    L’obiezione che …. se si paga a consumo nascono discariche abusive dappertutto e’ dubbia …… negli ultimi giorni le leggi contro chi si comporta in questo modo sono diventate efficaci ………

  2. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    l’azienda che commercializza l’oggetto pare sia anche disponibile a metterne a disposizione in comodato per qualche tempo
    ….
    un macchinario mobile contenuto in un container …. in grado di smaltire (mi par di aver letto) dieci (o diecimila boh) tonnellate di monnezza indifferenziata producendo idrogeno (per autotrazione …. magari) …. Ricordo in altro post che questo macchinario mobile copriva forse un terzo di cio’ che si produce in zona …… ma ….. sono dati che spettano ad altri.

  3. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    X Paolo
    Da un ponto di vista tecnico …….
    non si comprende perche’ questa strada nessuno la voglia percorrere,
    l’azienda che commercializza l’oggetto pare sia anche disponibile a metterne a disposizione in comodato per qualche tempo
    (quindi piu’ o meno a costo zero) per eliminare i dubbi legati alla generazione
    (di gas e fango, non cenere).

    Qualcuno si lamenta che cosi’ non ci si muove piu’ verso la differenziata.

    Da un ponto di vista pratico …..
    se rileggi il testo che ci viene proposto nella prima parte “Inoltre tutto il processo esclude i Comuni”
    .
    trovi il motivo …..
    il solito conflitto di interesse che domina fra le istituzioni (spesso inutili)
    la raccolta porta a porta fa quadagnare,
    tenere alta la tarsu fa guadagnare,
    vendere vetro e plastica fa guadagnare,
    insomma come e’ ben chiaro da tanti anni
    il “disservizio” fa’ guadagnare.

    Se le cose funzionassero bene, magari con la tariffazione in base al conferito,
    i guadagni (o meglio i soldi che vengono spesi) sarebbero minori
    e questo non sembra interessi a nessuno.
    .
    Prova a pensare quanto guadagna un comune (penso a Milano) che spende i soldi dei cittadini per costruire parcheggi a pagamento che si tenta di non utilizzare per il costo eccessivo, allora …. si aumenta il disservizio inserendo strisce gialle e blu dappertutto (e sono sempre mezze vuote) rendendo di fatto impossibile il parcheggio libero ……

    Anche la nuova tassa Ecopass un pasticcio organizzativo, si poteva mandare una fatturina a fine mese a chi e’ entrato (max 200 euro circa) se paga bene altrimenti appena rientra viene bloccato ed invitato ad uscire subito, nessun problema, facile gestione automatizzata (gia’ vengono trattate tutte le targhe in ingresso) paga solo chi e’ tenuto a pagare e solo se ha interesse a tornare in centro nel mese successivo cosi’ il turismo non subisce danni …….
    non se ne parla nemmeno ….. pare che il motto degli amministratori sia:
    “Perche’ fare una cosa semplice quando la stessa cosa si puo’ fare in modo complicato?”
    .
    e aggiungerei “perverso” visto che sono tante le persone che pagano senza motivo stante la difficolta’ legata alla ricerca sul libretto di circolazione delle caratteristiche che rendono la tassa “dovuta” …… non dubitate con queste caratteristiche il provvedimento avra un futuro …….

    Una altra chicca legata al pessimo modo di amministrare gli interessi dei cittadini:
    .
    un bel giorno si sveglia il responsabile della “monnezza” e scrive una bella letterina ad un milione di cittadini ……
    .
    “finora i sacchetti della monnezza ve li ho dati io (li avete pagati voi con la tassa rifiuti ma) io li ho acquistati a buon prezzo (comprare a vagonate consente sconti molto forti) …. ed ho potuto farveli avere a poco …. ora ho deciso che (per motivi che non sto’ a spiegare …. non capireste … io sono intelligente e capisco, voi non capite un …..) non li compro piu’ io cosi’ risparmio ….. ma ve li comprate Voi pagandoli dieci volte di piu’ di quanto non li pago io ora ….. cuntent ….”

    Forse le parole non sono proprio queste ma il senso si’ ….. poi si parlo’ di “mani pulite” ma credo che il famoso personaggio sia finito nel dimenticatoio ….. probabilmente vicino ad hammamet.

  4. Scritto da Paolo

    Le discariche attuali bastano e avanzano, piuttosto allora sarebbe utile un piccolo gassificatore per i rifiuti non riciclabili, in modo da mandare in discarica (in quelle gia’ esistenti) solo la cenere risparmiando enormi volumi nelle discariche attuali ed evitando di aprirne di nuove, no?

  5. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    La Sua precisazione, chiara e precisa, spesso condivise (non sempre) hanno tuttavia un difetto di fondo quando danno una risposta (da una cattedra) ad una domanda posta in altro contesto.

    Obiettare ulteriormente per poi ricevere risposta in altra sede dove magari non si e’ presenti non e’ simpatico, e’ una posizione troppo politica, una forma di politica che personalmente non apprezzo, e’ un “usare” l’interlocutore tipica di …. ma lasiamo andare Lei ha le Sue convinzioni ed una indubbia conoscenza del problema che sta’ trattando, come tutti noi anche Lei commette degli errori, spero se ne renda conto (non si cessa mai di crescere) le cito per esempio gli interventi del Presidente Bertolotto, si inseriscono nel discorso senza prevaricare, sono anche loro “cattedratici” ma con discrezione ed utilizzano la propria posizione in modo discreto gli interventi “in risposta” sono quelli di un amico che partecipa alla discussione.

    Con stima (vera) le ricordo tuttavia che il Suo bel discorso da un punto di vista “tecnico” non e’ totalmente condiviso.