IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nasce scuola di formazione per i lavoratori del porto

Più informazioni su

[thumb:4043:l]Savona. Per la prima volta in Provincia di Savona una scuola di formazione per i lavoratori portuali. L’iniziativa, presentata oggi presso la sede della Port Authority Savonese, nasce da un accordo tra il Culp e la Scuola Nazionale di Trasporti e Logistica e servirà a creare sul territorio le figure professionali richieste in vista della realizzazione della piattaforma contenitori della Maersk a Vado Ligure.

Il corso di formazione verrà suddiviso in due fasi: un primo start-up della durata di quattro mesi, con partenza già all’inizio del 2009, che servirà a formare alcuni dipendenti del Culp savonese per diventare a loro volta formatori delle nuove generazioni. Una seconda fase con l’avvio di corsi gratuiti per il lavoro portuale, un periodo di formazione basato soprattutto sul work experience in banchina. Per accedere ai corsi ci sarà una selezione sulla base della figure professionali richieste.

“L’obiettivo della scuola di formazione è creare per tempo le professionalità necessarie in grado di rispondere alle esigenze e alle opportunità occupazionali della piattaforma Maersk – ha sottolineato il presidente dell’Autorità portuale Cristoforo Canavese -. L’iniziativa serve a far capire ai nostri giovani che il lavoro portuale non è un mestiere di serie B. Mi auguro che questo sia solo il punto di partenza per arrivare ad avere un patentino che certifichi la professionalità dei lavoratori del porto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Bruno Pirastu
    Scritto da Bruno Pirastu

    Once upon a time .. era al fondo di Corso Tardy Benech , Corso Mazzini. Era la scuola dei Camalli. Sciocco pensare che bastassero le spalle per portare il sacco di carbone. Savona era una delle poche città dove si era in grado di imbarcare il riso , cosa non facile come sembra, Savona , notevole il lavoro dei falegnami e l’esperienza dei stivatori. Savona , il porto dove i primi containers , troppo pesanti per le vecchie gru , non potevano essere sbarcati. *** L’obiettivo della scuola di formazione è creare per tempo le professionalità necessarie in grado di rispondere alle esigenze e alle opportunità occupazionali della piattaforma *** questa è la prima chiamata per la piattaforma di Vado , molti saranno i chiamati, pochi gli eletti ( il numero sarà già stato ovviamente stabilito ) e se poi i Savonesi non hanno il profilo professionale, di base , richiesto ,,,,,, avanti un altro , lo spettacolo deve continuare

  2. Scritto da ziobenti

    Come fa un disoccupato oppure uno in cassa integrazione a fare domanda per essere assunto in questa nuova realtà che garantisce centinaia di posti di lavoro? Perchè in sostanza io il lavoro l’ho perso grazie ai faraonici progetti che riguardano il porto di Savona e di Vado Ligure………