IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’indiana Tata dopo la Fiat entra nel capitale Piaggio

Più informazioni su

[thumb:39:l]Regione. Tata group decide il primo importante investimento in Italia e una partecipazione rilevante in un’impresa aeronautica. E sceglie Piaggio Aero.

L’indiana Tata gruop, presente in 85 nazioni con oltre 100 società, si è trasformata negli anni in una holding multinazionale, leader in settori quali metallurgia, information technology, energia, attività turistiche e produzione di veicoli, avendo recentemente acquisito marchi come Jaguar e Land Rover oltre a essere partner di Fiat.

Negli ultimi anni Piaggio Aero ha conosciuto un importante rilancio, vedendosi commissionare a partire dal 1998 oltre cento velivoli, per valore complessivo di oltre 500 milioni di euro.

Già da tempo il gruppo Tata era interessato, in particolare, a sviluppare progetti relativi al nuovo velivolo P1XX ed il fatto che abbia scelto la Piaggio fra le aziende internazionali del settore può essere interpretato come segnale di gradimento sia del management che del piano industriale che ha previsto la delocalizzazione dello stabilimento di Finale Ligure a Villanova d’Albenga.

“La notizia dell’acquisto da parte di Tata Limited di un terzo del capitale di Piaggio Aero Industries è il primo importante frutto della delocalizzazione dell’azienda ligure da Finale a Villanova, conferma della bontà prospettica di tale operazione – ha osservato il consigliere regionale Pietro Oliva – Questa iniziativa più che positiva per l’azienda e la nostra Regione consente inoltre che la governance e il management della società restino italiani altro chiaro segnale di fiducia degli investitori esteri nel futuro di Piaggio”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da iuiu_piu

    Sono una ragazza di Savona:due anni fa ho avuto la brillante idea di spendere più di 9.000 euro per l’acquisto di una Tata Indica GPL… ecco dopo due anni sono qui a scrivere per lamentarmi di tutti i problemi che in due anni la macchina mi ha dato… Mi sono pentita dell’acquisto.
    Appena me l’hanno consegnata l’impianto GPL non era funzionante e di conseguenza il rivenditore l’ha trattenuta per un mese.
    Mi è stata riconsegnata e dopodichè i problemi sono continuati… ho bucato una gomma e nella macchina c’era la ruota di scorta sbagliata e cosi ho dovuto a mie spese sul momento acquistare un’altra ruota ma soprattutto chiamare il carroattrezzi.
    Nel frattempo l’impianto a Gas sempre funzionante a stenti… a volte la macchina mi si spegne nel bel mezzo di un incrocio!
    Per non parlare poi della portiera lato guidatore difettosa, e per non parlare del cambio che mi si è “rotto” in pieno viaggio in autostrada…
    Insomma… forse avrei potuto evitare di spendere i miei soldi per l’acquisto della TATA INDICA !!!