IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Coldiretti: “Ingenti danni causati dai cinghiali” foto

[thumb:810:l]Savona. Dura presa di posizione della Coldiretti savonese sul problema dei danni all’agricoltura causati dalla fauna selvatica, in particolare dagli ungulati, come cinghiali e caprioli. “L’agricoltura è oggi l’unica attività di impresa dove è possibile distruggere senza garantire i giusti indennizzi – afferma il presidente provinciale di Coldiretti, Martino Bolla – che molte volte arrivano in ritardo e solitamente coprono solo la metà del danno economico subito dall’impresa, anche a causa dei guasti della mala burocrazia”.

“Per chi opera nelle aree montane e svantaggiate non c’è più la sicurezza di poter proseguire l’attività agricola, ma neppure di poter circolare sulle strade o nelle vicinanze dei centri abitati. Occorre mettere in campo da subito una serie di soluzioni, dai piani straordinari di controllo, per garantire la selezione e il prelievo degli animali in soprannumero, all’accelerazione delle procedure di rimborso dei danni, coordinando in maniera più efficace i diversi enti che sovrintendono alla gestione del territorio” prosegue poi Bolla.

Il comunicato di Coldiretti conclude poi portando un duro attacco: “D’ora in avanti pubblicheremo sul nostro notiziario le fotografie degli ingentissimi danni causati dalla fauna selvatica alle colture agricole, per evitare, come succede oggi, che addirittura qualcuno ne metta in dubbio l’esistenza. Non tollereremo oltre questo tipo di atteggiamento irresponsabile”.

[image:9491:c:s=1]

[image:9490:c:s=1]

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da square

    Scusate, ma non può l’imprenditore agricolo recintare o adottare tutte le cautele (a sue spese) per evitare gli ingentissimi danni alle coltivazioni? Sono anni, anzi decenni, che si continua a parlare di danni ad opera dei cinghiali e di conseguenza richieste di risarcimenti…denaro pubblico dei contribuenti…e cosi via…fai la domanda…la protocolli…e aspetti il mandato di pagamento….. A volte ci scappano anche 3-4 gg. di pioggia insistente e via il decreto di emergenza….fai la domanda…la protocolli…e aspetti il mandato di pagamento…
    Soluzione:- 1) censimento dei cinghiali e altra fauna responsabile dei danni. 2) Valutazione incidenza capi/territorio mq.. 3) calcolo del soprannumero. 4) abbattimento straordinario.
    Sarei curioso di sapere a quanto ammontano i risarcimenti vari ( a spese dei contribuenti) che vengono elargiti nel settore agricolo dagli Enti Pubblici.
    un saluto

  2. joeblack
    Scritto da joeblack

    Chi ha tuonato contro l’abbattimento di cinghiali, oggi potrebbe tuonare per il loro abbattimento.
    Ai voti non si guarda in bocca come ai cavalli, un voto è sempre un voto che sia di un cacciatore o
    di un coltivatore diretto non fa differenza: sempre voto E’.