IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Casa squillo ad Albisola: sgominato giro di prostituzione

[thumb:2306:l]Albisola Superiore. Una casa a luci rosse nel territorio di Albisola Capo, dove si prostituivano alcune ragazze straniere, è finita nel mirino dei carabinieri. I militari hanno notificato due ordini di custodia cautelare a due sorelle, di 32 e 33 anni, entrambe brasiliane e residenti a Piacenza. Un terzo provvedimento richiesto dal pm Giovanni Battista Ferro è stato emesso dal gip Donatella Aschero nei riguardi di E.B., 63 anni, residente a Verona con doppio passaporto italo-brasiliano, resosi nel frattempo irreperibile. Per l’uomo e le due donne le accuse sono di reclutamento, sfruttamento, favoreggiamento della prostituzione ed associazione a delinquere.

L’indagine ha preso le mosse da una verifica effettuata dai carabinieri nel mese di settembre, quando sono state identificate tre giovani brasiliane, una delle quali inottemperante ad un ordine di espulsione e perciò arrestata per violazione delle norme sull’immigrazione clandestina. Tutte e tre avevano ammesso di praticare prestazioni sessuali a pagamento.

I militari hanno quindi proceduto alla perquisizione dell’abitazione albisolese in cui avvenivano gli incontri mercenari. Qui sono stati trovati 2600 euro in contanti, i tagliandi di annunci inseriti in quotidiani locali e le ricevute di movimenti di denaro su conti della Western Union. La documentazione, insieme ad alcune rubriche telefoniche, è finita al vaglio degli inquirenti. Dall’esame di quanto sequestrato, si è dedotto che le ragazze avviate alla prostituzione erano costrette a versare 100 euro al giorno ai tre tenutari della casa di piacere.

La mente dell’organizzazione dedita allo sfruttamento, secondo la ricostruzione degli investigatori, era E.B., attualmente ricercato. L’uomo aveva stipulato un contratto di locazione affidando l’appartamento, formalmente come casa-vacanze per il mese di agosto, alle due sorelle brasiliane, che gestivano il giro di squillo. A queste ultime erano intestati due telefonini, che venivano utilizzati nei contatti con la clientela. I titolari dell’indagine hanno svolto accertamenti soltanto nel Savonese, almeno per ora, ma non escludono che l’attività della banda avesse ramificazioni oltre il territorio provinciale e, quasi senz’altro, nella zona piacentina dove risiedevano le due maîtresse brasiliane.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Bruno Pirastu
    Scritto da Bruno Pirastu

    AAA iMMOBILIARE PAPPPONE & MAGNACCIA CERCA IN ZONA STABILE BI/TRI/QUADRI FAMILIARE INDIPENDENTE CON PARCHEGGIO PER AVVIO ATTIVITA COMMERCIALE PAGAMENTO IN CONTANTI

  2. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Leggo un commento in un altro sito:

    “Aggiungo che la proposta di “esercitare” in casa e’ contenuta in un disegno di legge del Ministro Pari Opportunità Mara Carfagna, che in un certo senso rivoluziona un mercato che conta milioni di “clienti”, sopratutto perbenisti ed insospettabili.
    Tra l’altro sarà possibile, secondo questa proposta, affittare un appartamento ad una prostituta a prezzi di mercato, solo che ci vorrà il nulla osta dell’assemblea dei condomini. E questa potrebbe essere una perplessità perche’ chi affitta come potrà sapere che l’inquilino sia una prostituta o eserciti tale attività? e per tale delibera sarebbe necessaria l’unanimità. Ecco che a questo punto le prostitute potrebbero consorziarsi acquistando o affittando interi edifici.
    L’obiettivo comunque sarà raggiunto, perche’ nelle strade non dovrebbero incontrarsi piu’ prostitute (l’esercizio sarà reato) e queste non saranno piu’ sfruttate dalla malavita locale, ma saranno totalmente autonome, come del resto in tutto il resto d’Europa, e pagheranno le tasse.
    Questi in linea di massima gli obiettivi che si prefigge il disegno di Legge del Ministro.”