IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Calcio, Seconda Categoria: la Villanovese ferma la corsa dell’Altarese

Villanova d’Albenga. Il primo serio tentativo di “fuga”, abbozzato dall’Altarese in questo avvio di campionato, è stato stoppato dalla Villanovese. I giallorossi, dopo aver raccolto un bottino di 13 punti nelle prime 5 gare, sono incappati nella prima sconfitta stagionale sul campo di una compagine brava a sfruttare le occasioni avute. La partita è terminata 2 a 0 con un goal per tempo, ad opera di M. Albini e Salvatico. Tra le 2 reti della formazione di mister Nicola Rossi si segnala un calcio di rigore fallito dall’altarese Fazzari.

L’Altarese resta comunque solitaria in vetta e rimane la principale favorita per la promozione diretta. Tuttavia alle sue spalle si crea un gruppo di aggruerrite inseguitrici, composto da ben 8 squadre nel raggio di 2 punti. Fra di esse emerge l’Aurora che, al pari della Rocchettese, non ha ancora pareggiato un incontro. Il team cairese ha piegato in rimonta, non senza fatica, il Città di Finale. Gli uomini di Michele Bortolini sono passati a condurre per primi con Gorleri dopo pochi secondi di gioco. Nella seconda frazione la squadra di mister Aprea si è aggiudicata il massimo della posta in palio grazie alle segnature di C. Mozzone e Canavese.

Il Celle ha fallito l’opportunità di agganciare la vetta, fermato sul pareggio da un tenace Pontelungo. La partita giocata all’Olmo è vissuta su un triplice botta e risposta. Ingauni in vantaggio con Bonavita ed immediata risposta di Vallerga. Nella ripresa gli stessi protagonisti vanno in rete in ordine inverso: goal di Vallerga e, due minuti dopo, pareggio di Bonavita. Pirovano al 56° riporta in vantaggio i granata ma al 69° Vallerga sigla il tris personale e ristabilisce la parità. Nel Pontelungo si segnalano i ritorni di Fiorito, dopo un anno e mezzo di inattività, e di Degola, entrambi reduci da infortuni. Inoltre è sceso in campo Mattia Garofalo, nonostante il grave lutto che lo aveva colpito due giorni prima, con la morte della mamma in un incidente. Garofalo, dimostrando un grande attaccamento alla maglia ed una eccezionale forza d’animo, ha deciso di disputare ugualmente l’incontro ricevendo il sostegno e l’appoggio di dirigenti, allenatore e compagni di squadra, a lui vicini in questo periodo tragico.

Rifilando un netto 3 a 0 al Plodio, il Valleggia ha agganciato le posizioni che contano. Una doppietta di Lo Muzzo ed un goal di Gabrielli hanno sancito il successo della squadra allenata da Corda. Nel finale i biancoazzurri sono rimasti in 10 per l’espulsione di Bozzano.

Dopo 2 vittorie consecutive il Mallare è stato costretto a rallentare la propria rimonta in classifica a causa di un attento Cengio: 0 a 0 il risultato all’Achille. E’ finita in parità anche tra Speranza e Santa Cecilia. Ospiti in vantaggio con Guastamacchia dal dischetto e immediata risposta, ancora su rigore, di Capezio.

L’atteso derby tra Spotornese e Nolese è stato vinto dai padroni di casa. Dopo l’ecatombe di squalifiche piovute sui biancorossi dopo gli eventi della scorsa domenica, l’allenatore Saporito, anch’egli squalificato come i vice Balbo e Bona, sostituito in panchina da Trozzola, è costretto a schierare una formazione altamente rimaneggiata. Partita contratta fin dalle primissime battute, è la Spotornese a comandare la manovra e ad avere le occasioni più ghiotte. La prima a 16° con Secci che incespica sul pallone a pochi metri dalla porta e non riesce a battere a rete. Al 23° punizione di De Ceglie che, deviata dalla barriera, colpisce il palo prima che la difesa ospite liberi non senza affanno. Al 25° pericolosa la Nolese con Seric che di sinistro batte al volo su un gran lancio di Canino, ma la sua conclusione è debole e si spegne tra le mani del portiere biancoazzurro. Al 31° il goal partita: punizione di De Ceglie scodellata in area, batti e ribatti nei pressi dell’area piccola nolese, il più lesto a giungere sulla palla è Secci che vince due rimpalli e mette alle spalle di Fontana. Scossa dallo svantaggio la Nolese si fa avanti al 37° con la punizione “a foglia morta” di Canino che si spegne a lato di poco. La ripresa vede quasi costantemente avanti la Nolese alla ricerca del pari. Spotornese però subito pericolosa, quando al 63°, sull’uscita errata di Fontana, Secci batte a colpo sicuro, senza fare i conti con Canino che sulla linea strozza in gola l’urlo di gioia dei sostenitori locali. Al 67° Seric si libera del suo marcatore sul vertice dell’area e viene toccato duro ma il direttore di gara lascia correre. Su pronta azione di contropiede Canino al 72° batte veloce una punizione per Seric, che scarta anche il portiere locale, ma da posizione defilata può solo mettere al centro dove i difensori locali spazzano con qualche apprensione. Al 76° l’arbitro Gaggero decreta una punizione al limite dell’area per atterramento di Asaro. Viene battuta da Limito, Luca colpisce di testa tutto solo ma manda la palla a lambire il palo. Al minuto 80 De Ceglie calcia a lato di poco una punizione da limite dell’area.
Le formazioni. Spotornese: Maruca, Bartoli, Facciolo, Rollo, Esu, Sardo, Peluffo (p.t. 40° Garofalo), Rigardo (s.t. 10° Gemello), Ferraro, Secci (s.t. 35° Antonelli), De Ceglie. All.: Bizzarri. Nolese: Fontana, Limito, Fiorella, Gaudino, Canino, Pasa, Luca, Asaro, Fassio, Traetta (s.t. 35° Blandino), Seric. All.: Trozzola.

Sul fondo della classifica resta la Rocchettese che è stata sconfitta da un Borghetto vittorioso sfruttando le qualità del proprio reparto avanzato e soprattutto di Borrello, vero uomo partita autore delle 2 reti e capace di mettere in difficoltà i vari difensori che si sono alternati nel tentativo di frenarne le offensive. I padroni di casa sembrabo avere qualche difficoltà contro una Rocchettese ben messa in campo che nella prima parte di gara concede poco all’avversario, cercando di ripartire in contropiede per innestare l’unica punta Cera. Ma il centrocampo del Borghetto con un pressing asfissiante prende piano piano il controllo della gara e si rende pericoloso al 15° col centravanti Vigliercio, abile a liberarsi al limite con mestiere di Cesana e a colpire a botta sicura costringendo Macchia alla parata. Al 27° il Borghetto si porta in vantaggio: è ancora Vigliercio che dà l’inizio all’azione liberandosi di Cesana (tra le proteste ospiti sulla regolarità dell’intervento) e serve un traversone in area su cui si avventa Borrello, tra tre difensori, riuscendo a liberarsi con un tocco delizioso e a far secco Macchia. Quattro minuti dopo sono ancora i padroni di casa a rendersi pericolosi con un lancio di Vigliercio per Sacchi, anticipato dall’uscita di Macchia. La Rocchettese pian piano si riorganizza e complice un abbassamento del ritmo di gioco del Borghetto avanza il proprio baricentro alla ricerca del pareggio. Cera riesce a procurarsi un fallo dal limite destro dell’area ma la punizione viene sventata in corner. Sul calcio d’angolo è Piccardo a mancare di un niente la conclusione vincente. Nella ripresa la partita rimane equilibrata, anche se le occasioni migliori sono per il Borghetto che al 56° costringe Macchia ad un’altra parata su conclusione di Milito. Due minuti dopo viene espulso Oliva appena entrato che manda a quel paese l’arbitro dopo un fischio contrario. E nello stesso minuto la Rocchettese crea la miglior occasione della gara con Leka che lancia Cera in area: preciso diagonale dell’attaccante rossoblu deviato da Scarlata un attimo primo dell’arrivo di Baccino. Al 76° ci prova Gandolfo direttamente su punizione, ma alza troppo la mira e all’80° la partita si chiude con il raddoppio del Borghetto. La difesa della Rocchettese non riesce a liberare con decisione la propria area e dopo una serie di batti e ribatti la palla capita al limite sui piedi di Borrello che indovina la traiettoria giusta tra una selva di gambe e supera Macchia.
Le formazioni. Borghetto Santo Spirito: Scarlata, Milito, Muscio, Barretta, Franco, Palli, Sacchi (s.t. 32° Ricordo), Calderara, Vigliercio (s.t. 37° Berretta), Sacchi (s.t. 8° Oliva), Borrello. Rocchettese: Macchia, Cesana, Leka, Piccardo, Avdullai (s.t. 19° Botta), Pisano (s.t. 37° Natale), Baccino, Latella, Cera (s.t. 24° Gandolfo), Vassalli, Di Donato.

I risultati della 6° giornata, nella quale 19 reti segnate hanno dato vita a 5 vittorie interne e 3 pareggi:
Aurora Calcio – Città di Finale 2 – 1
Borghetto Santo Spirito – Rocchettese 2 – 0
Celle Ligure – Pontelungo 3 – 3
Mallare – Cengio 0 – 0
Speranza – Santa Cecilia Albisola 1 – 1
Spotornese – Nolese 1 – 0
Valleggia – Plodio 3 – 0
Villanovese – Altarese 2 – 0

La classifica a 24 turni dal termine:
1° Altarese 13
2° Aurora Calcio 12
3° Celle Ligure 11
4° Santa Cecilia Albisola 10
4° Borghetto Santo Spirito 10
4° Plodio 10
4° Villanovese 10
4° Valleggia 10
4° Spotornese 10
10° Mallare 7
10° Nolese 7
10° Cengio 7
13° Pontelungo 5
14° Città di Finale 4
14° Speranza 4
16° Rocchettese 3

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.