IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albissola, Chessa patteggia due anni e quattro mesi

Albissola. Due anni e quattro mesi di reclusione: questa la pena patteggiata, davanti al giudice Barbara Romano, dall’albisolese Carlo Alberto Chessa, 27 anni, che il 20 dicembre 2007 aveva travolto e ucciso sull’Aurelia Roberto Salvaterra, 31 anni, orologiaio della gioielleria Delfino di Savona.

Sposato e padre di un bambino di due anni, Salvaterra, molto conosciuto nell’ambiente calcistico locale, stava rientrando a casa in vespa da Albissola verso Savona, quando è stato centrato in pieno dall’auto condotta da Chessa, al momento dell’incidente sotto l’effetto di alcool, medicinali e stupefacenti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da AT

    Faccio una considerazione generale senza entrare nel merito della vicenda in quanto non sono a conoscenza dei fatti.

    Non capisco perché ci si ostini a considerare in due modi diversi un omicidio fatto con una pistola e uno fatto con l’automobile !!!

    Premesso che le disgrazie capitano a tutti e chiunque può avere un malore mentre è al volante o finire in una carambola o in un maxi-tamponamento, ma ben altra cosa è mettersi al volante sotto l’influenza di alcool o droghe !!!

    Mi verrebbe da pensare che un malvivente farebbe prima a investire la sua vittima anziché sparargli.

  2. wild eagle
    Scritto da valter

    Fra due anni e quattro mesi a chi toccherà?
    Questi individui difficilmente imparano la lezione, purtroppo la legge italiana è assolutamente iniqua e troppo permissiva.

  3. lylogi
    Scritto da lylogi

    ho una sola parola: vergogna.

  4. Scritto da NICKY

    Avrebbe meritato di più, molto di più….ma solo chi conosceva Roby e conosce la sua splendida moglie e il suo fantastico bimbo può capire. Ciao Roby, rimarrai nel mio cuore e in quello di molti altri per sempre…

  5. The Gecko
    Scritto da The Gecko

    solo?