IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio, il sindaco vieta il burka

Più informazioni su

[thumb:9358:l]Alassio. Il sindaco di Alassio Marco Melgrati vieta il “burka” e “niqab” su tutto il territorio comunale. La clamorosa inziativa del Comune alassino è inserita in una più generale “Ordinanza a tutela dell’incolumità pubblica e della sicurezza urbana”, tendente a evitare episodi di disturbo alla quiete pubblica e situazioni di degrado.

Il provvedimento proibisce inoltre nei luoghi pubblici il consumo bevande alcoliche e l’uso di “apparecchi di diffusione sonora”, oltre a vietare il bivacco in aree verdi, l’assembramento e tutti quei comportamenti che, nelle parole del sindaco, siano “di grave turbativa al libero utilizzo degli spazi”.

Il divieto che colpisce “burka” e “niqab” è giustificato dalla volontà di rendere immediato il riconoscimento di chi li indossi, prevedendo per quanti non si uniformino all’ordinanza una sanzione pecuniaria che andrà da 60 a 500 euro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da vespa

    Isola dei famosi, multa con superenalotto, reginetta clandestina, burqa vietato……..
    Sono solo alcune delle ultime trovate utilizzate da Melgrati per raggiungere il suo principale obiettivo, far parlare di Alassio.
    Non condivido questo modo di fare politica ma, evidentemente, con la massa paga.

  2. joeblack
    Scritto da joeblack

    La nostra cultura non è ancora cambiata malgrado, in questi ultimi anni, ci sia stato piu’ di un tentativo
    tendente a farci credere il contrario.
    La verità è sotto gli occhi di tutti ma, purtroppo ci sono ancora troppi FINTI PERBENISTI che vogliono
    costringerci a credere che ciò che ci accade intorno sia bene; può anche essere ma per chi?
    Sarà un bene per razze longeve, che non hanno decessi in famiglia.
    Sarà un bene per chi ha attraversato l’Adriatico con le pezze nel sedere e adesso si ritrova imprenditore, con casa e macchina di lusso di proprietà e sembra essere esente da quelle orribili
    imposizioni che noi chiamiamo tasse ma che poi in realtà si traducono in tichet, esenzione dal pagamento mensa scolastica o retta dell’asilo, ma finiamola!
    Sarà un bene per coloro che possono vendere la mercanzia, senza negozio, senza licenza e senza emettere il dovuto scontrino fiscale evadere I.V.A. ed I.R.P.E.F.
    Ci sono ancora persone che erroneamente credono che il toro, daltonico, vedendo rosso si possa
    infuriare, io penso invece che persone vedendo rosso diventino finti non vedenti.

  3. Scritto da prettydog53

    continua ininterrotta la politica degli annunci di questa nuova stagione italiana. la chiamano seconda repubblica. io provo nostalgia per la prima repubblica, quella che aveva amministratori seri e preparati.
    a un certo punto magistrati impavidi hanno portato alla luce lo sfacelo della corruzione, che era entrata negli usi e consumi italiani e non ne è ancora uscita e non ne uscirà mai.
    la cultura non è cambiata, ma in compenso sono cambiati i politici e la serietà non è più annoverata fra i requisiti richiesti.
    probabilmente non solo ad alassio, ma in tutta italia non esiste una sola donna che porti il burqa.
    ma vuoi mettere il godimento di finire sui giornali? quasi come fare il cast per partecipare all’isola dei famosi.
    fra cento anni i libri di storia parleranno di questi anni come gli anni in cui il buon senso si era perso. racconteranno di una società che si accontentava di sentire berlusconi raccontare che a napoli non c’era più rumenta. non era vero ma volevano essere lasciati in pace a crederselo.
    oggi la massa degli italiani è più tranquilla perché c’è l’esercito a presidiare le città. non è vero e comunque non serve a niente, i crimini sono sempre gli stessi, i clandestini aumentano con lo stesso ritmo, la mafia continua ad essere l’impresa più produttiva in italia. ma ci sono i bersaglieri sul lungomare a passeggio, possiamo dormire tranquilli.
    e il burqa ad alassio … finalmente quelle depravate la smetteranno di coprirsi il corpo intero, e noi non avremo più timore che sotto quel vestito ci siano kamikaze imbottiti di tritolo che si faranno saltare in aria al mercato. cosa che accade giornalmente ad alassio e in tutta italia…
    ma vuoi mettere l’annuncio.
    che pena melgrati, specchio della pochezza dei politici di oggi.

  4. serpe01
    Scritto da serpe01

    i conti da pagare mandali a santori,travagli,libanesi
    lautamente spipendiati con pubblico denaro,
    provocatori di mestiere,
    ieri sera hanno detto che pagano loro……….

  5. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Anche quest’anno come i precedenti mi trovo
    (in ambito condominiale quindi con “stranieri” che i soldi per acquistare li hanno trovati)
    a dover pagare le spese condominiali triple …..
    .
    una prima volta sono le mie e … va’ bene
    una seconda volta per gli “stranieri” che “per motivi religiosi” non pagano (e qui arabi e cinesi pare abbiano lo stesso “credo”)
    una terza volta l’avvocato che ….. non combina un accidente.
    .
    Credo di essere “involontariamente” un po’ meno tollerante di qualche anno fa’ quando i contatti con queste “religioni” erano meno “costosi”.
    .
    Piu’ che ordinanze su c……te sarebbe interessante poter contare su amministrazioni piu’ sollecite ad agire per riportare la legalita’ nella vita ……. perche’ non si puo’ procedere al fermo amministrativo delle “lussuose” vetture di quei parassiti che ci stanno prendendo per i fondelli?
    .
    In fin dei conti se si possono permettere auto lussuose e’ “SOLO” perche’ non pagano i vari balzelli cui noi siamo costretti.