IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, alla Festa Rossa l’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti

Più informazioni su

Savona. Sarà presente anche l’Uarr – Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti – alla Festa Rossa che la Federazione Savonese dei Comunisti Italiani ha organizzato per i giorni 19, 20 e 21 settembre presso il Circolo Artisi di Salita San Giacomo, a Savona, in ricorrenza del 64° anniversario de “La Rinascita”. Nei tre giorni, in cui si potrà cenare e ballare tutte le sere, si parlerà, il giorno 20 alle ore 18, dei prossimi appuntamenti elettorali del 2009 alla presenza dei rappresentanti dei partiti della sinistra, ma sarà proprio la prima uscita savonese dell’associazione a destare la maggiore curiosità. Uarr è l’unica associazione nazionale che rappresenti le ragioni dei cittadini atei e agnostici.

“I valori a cui si ispira l’attività dell’Uarr – spiega Claudio Gianetto, segretario dei Comunisti Italiani – come la razionalità, il laicismo, il rispetto dei diritti umani, la democrazia, il pluralismo, l’uguaglianza, il principio di pari opportunità nelle istituzioni senza distinzioni basate sul sesso, sull’identità di genere, sull’orientamento sessuale, sulle concezioni filosofiche o religiose, sulle opinioni politiche, sulle condizioni personali e sociali, trovano piena condivisione con i principi del nostro partito. In un momento in cui la deriva reazionaria è così evidente, dare ospitalità a degli spiriti liberi ci sembra più di ogni altra considerazione un dovere. Tutelare i diritti civili dei milioni di cittadini che non appartengono a una religione, difendere e affermare la laicità dello Stato, promuovere la valorizzazione sociale e culturale delle concezioni del mondo non religiose sono nel Dna stesso di chi oggi non esiti a dichiararsi comunista”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. alassino stupefatto
    Scritto da alassino stupefatto

    Caro Alessandro,
    da Bolzano a Lampedusa i “compagni” si esibiscono in esilaranti posizioni anti clericali ma:
    – sono i primi a sposarsi in chiesa (…sai io sono non credente ma la famiglia di lei aveva piacere…),
    – a battezzare i figli (..sai, non potevo farli sentire diversi…),
    – a mandarli nelle scuole religiose (…ma vuoi mettere la cura che gli dedicano…)
    – ai funerali in chiesa (…ma in fondo gli avrebbe fatto piacere…),
    – a partecipare ad ogni cerimonia religiosa (..ma rappresento una istituzione…).
    I comunisti, se non ci fossero, bisognerebbe inventarli.
    Mangiapreti, ma all’occasione… bao bao micio micio!

  2. Scritto da Alessandro Parino

    Come mai il Consigliere dei Comunisti Italiani, Larosa, sfilafa pio e devoto dietro il crocefisso alla processione del Venerdì Santo?