IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Controlli sulle strade: 14 patenti ritirate, 3 moto sequestrate

Più informazioni su

[thumb:269:l]Provincia. Quattordici patenti ritirate per guida in stato di ebbrezza e tre moto poste sotto sequestro per mancanza dell’obbligatoria copertura assicurativa. E’ il dato che emerge dal “weekend lungo” della polizia stradale, che ha effettuato posti di controllo nei giorni finali di agosto interessati dal controesodo turistico. Da venerdì a domenica le pattuglie coordinate dal comandante Luca Marchese hanno monitorato la viabilità ordinaria rilevando complessivamente 80 infrazioni al codice della strada.

Ben trentacinque delle violazioni contestate sono state commesse da motociclisti. Due moto sono state sequestrate a Sassello e una a Cadibona: in tutti e tre i casi i conducenti erano privi dell’assicurazione. Per i centauri è inoltre scatata una multa salata, di 1000 euro ciascuno. Tra i punti sensibili rimane l’area del Colle di Cadibona, che continuerà ad essere vigilata con particolare attenzione dagli agenti.

La polstrada ha effettuato posti controllo in particolare ad Alassio, ad Albenga, ad Andora, a Varazze, a Savona nell’area del porto e nelle Albisole. Mentre sono stati denunciati 14 conducenti di veicoli perché sorpresi in fase di alterazione alcolica, non è stato riscontrato nessun guidatore sotto l’effetto di stupefacenti. I responsabili delle infrazioni hanno un’età media tra i 18 e i 26 anni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Giudice
    Scritto da Giudice

    Il commento di Vespa, devo dire, è davvero esauriente, ben motivato e corretto. Meno quello di qualcun altro (leggi GOFFI). In particolar modo quando scrive “Sono limiti giusto per rubare soldi e basta”. Caro GOFFI, 1) innanzitutto forse non sai che i soldi di cui tu parli sono spesi per un legale e non per lo Stato visto che le sanzioni per le violazioni degli ARtt. 186 e 187 sono penali. 2) Due o tre birrette, bevute mangiando ad esempio, in linea di massima non ti fanno superare il limite di 0,5 g/l. 3) Sappiate comunque che in Paesi che noi definiamo “terzo Mondo” il limite stabilito per legge è di 0,0 g/l e le pene son ben più severe che non qui. Forse allora il terzo mondo siamo noi, visto che ogni fine settimana si contano decine di morti e feriti sulle strade, per altro con un costo elevatissimo per tutti noi. Ma tanto è inutile parlare – e scrivere . Chi non ha la testa per rendersi conto di quanto beve e poi si mette alla guida, figuriamoci se ha la testa per leggere e capire ciò che viene detto.

  2. Scritto da vespa

    Trovo molto interessanti alcune proposte di Bruno Pirastu e condivido in pieno la proposta di lylogi “Bisognerebbe far vedere un po’ di foto delle vittime dell’altrui demenza” che trovo in linea con il servizio in favore delle vittime degli incidenti.
    Un paraplegico oltre a non camminare, non ha più stimoli sessuali, per defecare ha bisogno di fare dei clisteri e per urinare necessita di essere cateterizzato, molti altri non riescono neppure a capire quanto sono fortunati ad essere “normali”.
    Non condivido molto le idee di Laccio ma trovo interessante il Tuo ultimo post, personalmente sono un amante dei vini ma preferisco berne 1 bicchiere di pregio piuttosto che una bottiglia discreta.
    Quando ero ragazzo frequentavo amici in Olanda e Germania e quando andavamo al Pub mi sembrava esagerato che una a sera a turno chi guidava non bevesse alcolici, con il tempo ho capito.
    Cordiali Saluti e Buona Strada a Tutti.

  3. Scritto da Laccio

    Caro DJ (Grande Balbontin!) ti assicuro che non volevo nuove multe vessatorie…era solo un paragone per far capire l’assurda severità contro il bere. Pensavo si capisse,abbi pazienza.
    Per Vespa;premesso che mi scuso ma l’esortazione a pensare con la propria testa era rivolta alle vittime del terrorismo mediatico in corso poi riconosco che uno la possa comunque pensare diversamente. Però la tua teoria non convince; aldilà che non è vero che la distrazione e la velocità sono causate dallo stato di ebbrezza perchè il test è obbligatorio in caso di incidente e quindi sarebbero stati rilevati come tali (se no non esisterebbe il caso di stato di ebbrezza praticamente se non ipotizziamo che un ubriaco vada a sbattere perlomeno senza distrazione e a velocità a norma…!!!). La confisca del mezzo è assurda perchè sproporzionata; e non mi giustifichi perchè non è prevista per l’eccessiva velocità e la distrazione che sono 50 volte più pericolose.
    Le regole le rispetto anche io,non ricordo l’ultima multa e non mi hanno mai sospeso la patente anche se naturalmente in altri tempi ho guidato in condizioni oggi non riconosciute accettabili (senza picchiare mai); ripeto di non difendere l’ubriachezza ma la moderazione e il gusto ritenendo che faccia più danni all’educazione una legge ingiusta che una responsabile tolleranza. E’ questo il tipo di norma che insegna la responsabilità ai ragazzi. Sono per leggi applicate con fermezza ma giuste però questa è solo uno dei tanti capitoli della guerra che la nostra società ha dichiarato ai ragazzi ormai da un decennio. Il divieto in quanto tale non da nulla in termini di educazione.
    Hai invece ragione sul fatto che negli altri paesi ci sono limiti simili o inferiori.
    MA qui si apre un altro discorso: in tutti i paesi citati,discoteche,locali,concerti e centri di divertimento sono nel centro delle città mentre da noi per non essere chiuse da altre leggi assurde sono assolutamente disperse in posti sperduti e periferici se non imboscati e in tutti i paesi citati non esiste un anomalia assurda come quella dei taxi italiani che restano carissimi,malorganizzati e,in provincia, rari oinesistenti la sera. L’auto per i ragazzi è indispensabile in Italia,non è un loro capriccio.
    Poi se vogliamo sostenere che alcol e droga son la stessa cosa allora,anche se purtroppo paese produttore di vino,vietiamo pure la somministrazione e viviamo tranquilli,sicuri,infelici e scontenti (facendo fallire milioni di attività che già questa legge ha messo al collasso)
    Insomma secondo me questa è una tassa bella e buona secondo me ( e non ha diminuito gli incidenti per nulla ).

  4. lylogi
    Scritto da lylogi

    Posso?
    Senza disturbare, pontificare, o cercare di prevaricare nessuno.
    Tante parole, alcune sensate altre decisamente fuori luogo…
    A me personalmente piace un bicchierino e 2,3 anche 5 birrette.
    Ma non quando guido.
    Credetemi, parlo a ragion veduta. Sono uno di quelli che di notte o all’alba devono dire a una madre o a una moglie o a dei genitori che un figlio o un marito è in obitorio.
    Bisognerebbe far vedere un po’ di foto delle vittime dell’altrui demenza.
    Chissà…

  5. Bruno Pirastu
    Scritto da Bruno Pirastu

    DOMANDA: come faccio a sapere se sono in condizioni ottimali per guidare ? Già con le tabelle sopra citate ( grazie Vespa ) viene fuori che non è così facile stabilirlo se poi aggiugiamo che ci sono farmaci anche da banco che sconsigliano , se assunti , la guida perchè hanno effetti collaterali ( sonnolenza , etc ). Dotarsi di un etilometro può essere una soluzione ma certamente non un ceraffo made in China ma omologato e quindi di un certo prezzo a meno che , invece che regalare decoder TV , lo stato , promozionalmente , non lo passi gratutamente, spendendo meno che l’invio di lettere e giornalini che finiscono nel cestino del portone. Soluzione valida sarebbe anche quella del fermo macchina per qualche mese , 4 o 6 Chi fa notizia sono le Discoteche e gli incidenti gravi ma se si dovessero fare controlli più stretti , uscita dei ristoranti , agriturismo , bar , il numero degli OUT sarebbe impressionante. Ma sarebbe anche un cambiamento sociale radicale . forse in meglio ma forse anche in peggio. Vero che l’essere allegro porta a una guida più disinvolta e con tutte le mancanze derivanti ( Velocità, distanza , no stop ) ma è anche altrettanto vero che se in caso di incidente , palese il torto dell’altro, la responsabilità sia attribuita all’Ubriacone che magari sapendo di esserlo rientrava a casa ben attento a non fare incidenti, perchè detto a onor del vero ci sono persone che sono brille con lo 0.00001 e altre sane con lo 0.10.