IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ceriale, si è aperta la rassegna “Libri di Liguria”

Più informazioni su

Ceriale. Ha preso il via a Ceriale la rassegna libraria della Liguria che, giunta alla XXVIIesima edizione, offre ormai ogni anno l’opportunità ai lettori ed agli appassionati di arte, spettacolo e cinema di incontrare in occasione delle splendide serate, organizzate nel suggestivo borgo di Peagna, scrittori, critici, giornalisti, personaggi del mondo dello sport, dello spettacolo e vip. A presentarle è sempre l’inossidabile professor Franco Gallea, che è anche presidente della benemerita associazione “Amici di Peagna”.

Quest’anno i temi su cui è stata incentrata la sua relazione di apertura della rassegna sono stati l’identità ligure, la valorizzazione dell’entroterra e la difesa dell’ambiente. Anche il sindaco di Ceriale Ennio Fazio ha aperto la manifestazione accennando alle stesse tematiche, che sono state poi sviluppate più ampiamente da Gallea.

“Il discorso sullo stato della cultura ligure” dice Augusto Andreini, noto esperto d’arte e collezionista, “tenuto da Gallea è stato davvero interessante e come sempre ha colto nel segno. Si è trattato di una analisi che partendo dalle statistiche librarie ha toccato i grandi temi legati alla realtà ligure contemporanea, alla luce di un’ottica sempre altalenante fra l’intellettuale ed il politico”. La serata è poi proseguita con una mini rassegna di film dal titolo “La parola e l’immagine”, a cura del regista alassino Beppe Rizzo.

Protagonista del primo film proiettato è Giovanni Brancato, 54 anni, ex campione di nuoto pinnato e di pesca subacquea, che ha realizzato, nel luglio scorso, una impresa d’eccezione: tra traversata a nuoto dalla Corsica ad Alassio: “Si è trattato” ha detto lo stesso Brancato, “di un exploit a cavallo fra l’impresa sportiva e quella scientifica. Ho voluto far vedere ai miei coetanei, che superati i 50 anni, con la preparazione e l’impegno è ancora possibile realizzare imprese di rilievo anche sotto il profilo sportivo. Ed è stata poi soprattutto una sfida con me stesso”.

Il documentario che racconta l’impresa (42 minuti, regia di Beppe Rizzo) è davvero molto bello e sarà certo destinato a mietere successi nei vari festival e concorsi ai quali solitamente Rizzo partecipa ogni anno. Molto interessanti anche gli altri tre film proposti, rispettivamente dello stesso Rizzo (“A Livella”), di Jud Ki Kim (“Life” Corea del Sud) e Andrea Jublin (“Il supplente”).

Ieri sera si è parlato del ricco patrimonio storico del Ponente Ligure ed in particolare di Albenga, città episcopale, argomento che ha ispirato negli ultimi tempi numerosi autori fra i quali Antonio Arecco, Josepha Costa Restagno, Mario Marcenaro e Maria Celeste Paoli Manieri, mentre questa sera l’argomento della discussione sarà; “Liguria, storia e territorio”, con la presenza di Massimo Quaini, Annibale Salsa e Ferdinando Molteni (attualmente assessore alla cultura del Comune di Savona autore di vari volumi, insieme alla scrittrice e giornalista Antonella Granero, dedicati proprio alla storia ed alla religiosità nel Ponente savonese).

La rassegna proseguirà con altri appuntamenti dedicati a Camillo Sbarbaro (2 settembre), a Riva Trigoso e Sestri Levante (3 settembre), al Mutualismo ed alla Cooperazione (4 settembre) ed all’architettura (il 5), mentre domenica alle 17,30 avverrà la consegna dei Premi Anthia 2008 che sono stati assegnati al maestro Gianni Pascoli (per le Arti Figurative) ad un volume sul Quattrocento genovese (“Ritratto di Genova nel Quattrocento” di Ennio Poleggi ed Isabella Croce, quello per la Letteratura) ed ad una neonata associazione culturale (Centro Regionale dei Dialetti Liguri e di Genova) che si occupa di cultura ligure (Pubblicistica e Critica Letteraria).

Nel discorso inaugurale Gallea ha detto che quest’anno, mentre in Italia si sono stampati 62 mila titoli, i volumi “liguri” sono stati circa 650. Questi libri e quelli degli ultimi due anni, in totale 2 mila 100 opere, saranno esposti per tutta la settimana a casa Girardenghi e verranno poi inseriti nella biblioteca “Libri di Liguria”, gestita dagli Amici di Peagna ed aperta tutto l’anno a studenti, ricercatori ed appassionati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.