IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ceriale, nuovo quartiere: Casa della Legalità e Nucera sui fronti legali

Più informazioni su

[thumb:4350:l]Ceriale. Dopo il via libera da parte del consiglio comunale cerialese al nuovo quartiere nella zona T1, si fa ancora più incandescente il clima polemico, alimentato in particolare dall’osservatorio della Casa della Legalità. L’associazione torna ad usare parole dure contro il gruppo Nucera, protagonista dell’operazione immobiliare, e dichiara di considerare “illegittima” la delibera adottata dall’amministrazione Fazio, preannunciando una denuncia alla Procura della Repubblica.

“La delibera approvata è illegittima perché carente rispetto al dettato di normative e leggi regionali e nazionali, nonché priva di conformità al disposto di direttive europee – osservano Christian Abbondanza, Simonetta Castiglion ed Enrico D’Agostino – Nei prossimi giorni la Casa
della Legalità presenterà un’articolata denuncia alla Procura di Savona ed un esposto agli uffici tecnici della Regione Liguria. Il sindaco Fazio si è tramutato in ‘portavoce’ ufficiale della famiglia Nucera. Perché un imprenditore che deve 3 milioni per opere di urbanizzazione ne aggiunge altri 2 che non deve?”. L’interrogativo si riferisce al fatto che la ditta realizzerà opere di urbanizzazione per 5 milioni 516 mila euro: più del doppio rispetto ai 2 milioni 149 mila che avrebbe dovuto versare.

“Purtroppo siamo davanti ad un’amministrazione che si mostra china ai Nucera – continuano i responsabili dell’associazione legalitaria – I cittadini, dopo l’azione di sensibilizzazione che abbiamo promosso e dopo l’annuncio dato da Beppe Grillo sul suo blog, si sono mostrati determinati ed hanno riempito la sala del consiglio comunale per guardare in faccia i loro ‘dipendenti’ dopo che il sindaco ha negato ogni spazio di confronto. I cittadini si stanno svegliando e nemmeno la terra savonese cederà più alla sottocultura dell’omertà e della paura. Da qualunque parte arrivino i tentativi di intimidazione, questi saranno rispediti al mittente”.

Andrea Nucera, amministratore della società Geo Srl con cui il Comune ha firmato la contestata convenzione, ha annunciato di voler querelare la Casa della Legalità per le accuse “infondate e calunniose”. Nella seduta consiliare, il sindaco Ennio Fazio ha dato lettura di una lettera inoltrata da Nucera, nella quale l’imprenditore replica ai contenuti di un volantino diffuso dall’associazione: “Il volantino è abilmente composto nel tentativo di accostare il mio nome e quello della mia azienda a fatti totalmente estranei alla nostra attività, creando la sensazione che siano invece parzialmente accostabili. Attiveremo la magistratura con una querela circostanziata sui fatti. Non abbiamo mai incontrato le persone che, secondo la Direzione investigativa antimafia, sarebbero in commistione con ambienti della malavita organizzata”.

La convenzione per le aree edificabili affacciate sulla sponda sinistra del rio Torsero è stata approvata con il sì compatto della maggioranza, mentre la minoranza, con cinque consiglieri (quattro del Pd, uno della Sinistra Arcobaleno), ha abbandonato l’aula al momento del voto. L’operazione immobiliare prevede 66 mila metri cubi di edifici in un nuovo quartiere che sarà diviso in quattro ambiti: 16 mila 914 metri cubi di edilizia residenziale, 11 mila 276 di servizi, 19 mila 733 di residenze turistico-alberghiere e 8 mila 457 di hotel.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.