IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, vigili urbani presto in sella alle ecobici

Più informazioni su

[thumb:9016:l]Albenga. Il nome suona un po’ retrò, ma in realtà sono mezzi di locomozione moderni e rispettosi dell’ambiente. Sono i velocipedi a pedalata assistita, cioè biciclette con motore elettrico ausiliario che si ricaricano come un telefonino e per le quali non è obbligatorio l’uso del casco. Presto i vigili urbani di Albenga ne avranno due in dotazione.

Il comandante della municipale Gaetano Noè accoglie volentieri la novità: “Con l’utilizzo di tali mezzi si potrà effettuare un controllo capillare e più accurato, anche in zone, come i parchi pubblici, dove è impossibile accedere con l’auto. Inoltre sarà anche immediata la valutazione sulla pericolosità del manto stradale garantendo un immediato intervento in caso di rischi”.

“Sarà educativo ed economico – dice il sindaco Anonello Tabbò – I vigili daranno il buon esempio dimostrando di poter svolgere i propri compiti nel totale rispetto dell’ambiente e con un notevole risparmio, visto che i nuovi mezzi non necessitano di carburante. Penso che questa iniziativa possa promuovere la mobilità sostenibile contribuendo a fare di Albenga una città ciclabile”.

Le “electric bikes” dei vigili ingauni potranno essere ricaricate tramite una normale presa domestica. Decorazioni ad alta rifrangenza e loghi le renderanno subito riconoscibili. Questi particolari tipi di biciclette elettriche possono essere utilizzate senza casco e possono circolare liberamente senza bollo, assicurazione e tassa di proprietà, previsti per tutti gli altri motoveicoli.

Il motore elettrico non emette gas di scarico inquinanti, quindi le ecobici possono entrare anche nelle zone a traffico limitato e circolare durante le giornate ecologiche. Hanno potenza nominale continua massima di 0,25 Kw, la cui alimentazione è progressivamente ridotta ed infine interrotta quando il velocipede raggiunge i 25 km orari oppure prima, se il ciclista smette di pedalare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da marco77

    spero che questo sia il primo segnale di una svolta “ciclistica” del comune di albenga.c’è un traffico sempre più intenso di auto con tutti i problemi che ne conseguono a livello di inquinamento atmosferico e acustico, e di sicurezza.troppa gente prende l’auto per fare 500 metri.da pontelungo a vadino ci sono 2km circa di strada.distanza che con una bici si copre agevolmente.
    W la bicicletta!!