IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, due giorni dedicati al corpo degli alpini

Più informazioni su

[thumb:9189:l]Albenga. Sabato 20 e domenica 21 settembre, ad Albenga, il gruppo alpini e l’amministrazione comunale organizzano due manifestazioni in occasione dell’inaugurazione del monumento “L’alpino e il mulo”, realizzato dallo scultore Flavio Furlani. In seguito al procedimento di fusione in bronzo, la statua è ora pronta per essere in mostra e ricordare l’impegno degli alpini, i soldati fieri e forti, strenui difensori della loro terra, disposti a perdere la vita per i propri valori.

Sabato, alle 16,30, dalla sede del Gruppo Alpini (Lungocenta) partirà il corteo che depositerà omaggi floreali ai vari monumenti ai Caduti. Ad Albenga, in 83 anni, prima del “L’alpino e il mulo”, alla memoria storica delle persone che hanno perso la vita in battaglia, sono state dedicate altre due sculture. In piazza 4 novembre, nel 1925 è stato inaugurato il monumento ai caduti durante la prima guerra mondiale (1915-1918) e nel 1992, in piazza del Popolo, è stato aperto al pubblico il “Partigiano caduto”. A chiudere la prima manifestazione di sabato sarà il coro degli alpini, sezione di Savona, “Monie Greppino”, che nella chiesa Sacro Cuore (via Trieste), alle 21, intonerà le tipiche canzoni del corpo militare.

Domenica 21, alle 9, in piazza San Michele, davanti il palazzo comunale, le autorità attenderanno la popolazione per raggiungere piazza XX Settembre, dove è stata posizionata la statua di Furlani. Il corteo attraverserà via d’Aste, via Genova, via dei Mille, via Patrioti, e via Papa Giovanni, che per l’occasione saranno addobbate a festa con l’affissione di bandiere tricolore. Alle 10,30, dopo l’alza bandiera, l’inaugurazione e la benedizione del monumento, Monsignor Brancaleone, coadiuvato dal cappellano degli alpini, Don Cesare, celebrerà la Santa Messa. La due giorni si concluderà alle 12,45, quando il gruppo raggiungerà il ristorante “C’era una volta” di Villanova d’Albenga, per un lauto pasto.

“Questa due giorni dimostra l’attenzione della città di Albenga per un corpo storico come quello degli alpini e vuole essere monito e ricordo dell’impegno di questi uomini nella difesa della loro terra – sottolinea il sindaco Antonello Tabbò – Ci sembrava doveroso rendere loro omaggio con la statua realizzata da Flavio Furlani; inoltre abbiamo voluto donare a questo grande corpo il giardino che si trova in piazza XX Settembre e che si chiamerà in loro onore ‘Il giardino degli alpini’, e verrà, d’ora innanzi, curato dagli alpini stessi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.