IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Aeroporto Panero: Bertolotto e Giuliano scrivono a Santoro

[thumb:2556:l]Villanova d’Albenga. Nell’ultima puntata di “AnnoZero”, dedicata al caso Alitalia, è andato in onda un servizio da cui è emersa l’immagine dell’aeroporto Panero di Villanova come esempio di sperpero di denaro, più utile ai politici locali che all’economia del territorio. Tra i rappresentanti istituzionali che sono insorti per difendere lo scalo ingauno, Marco Bertolotto e Gianni Giuliano, presidenti delle Province rispettivamente di Savona e di Imperia, che hanno immediatamente scritto una lettera a Michele Santoro.

“Egregio dottor Santoro – si legge nella missiva a doppia firma – abbiamo il dovere di rappresentarle alcune nostre brevi considerazioni sul servizio, relativo all’aeroporto Villanova di Albenga, mandato in onda giovedì 24 settembre 2008, nel corso del programma da lei condotto. L’obiettivo di un’ inchiesta giornalistica, degna di questo nome in un servizio pubblico radiotelevisivo, dovrebbe essere quello di rappresentare la realtà e il metodo più corretto per farlo è anche, e principalmente, il ricorso alle fonti primarie, nel caso specifico ai rappresentanti delle istituzioni azioniste dell’aeroporto, peraltro di diverso colore politico, quali noi siamo. Così facendo i telespettatori avrebbero appreso anche la nostra opinione, che non è personale ma rappresenta quella dei nostri concittadini: una struttura come quella dell’aeroporto di Albenga andrebbe incoraggiata e valorizzata, così come i collegamenti con piccole realtà aeroportuali, collocate in posizioni strategiche a valenza turistica”.

La lettera prosegue: “La rappresentazione riduttiva, faziosa e caricaturale di un aeroporto e di un servizio aereo ad uso e consumo personale di un ministro (che, tra l’altro, non utilizza quasi mai il volo in questione) ha così ignorato due dati essenziali: il volo Albenga – Roma – Albenga ha visto incrementare costantemente l’utenza, che è stata di 34.302 passeggeri nel triennio 2005/2007, passeggeri che raggiungono da Roma località turistiche molto pregiate come Sanremo, Alassio e la Costa Azzurra, risparmiando il tragitto di cento chilometri dell’autostrada Genova-Albenga, spesso molto affollata; la società Explora Italia, che gestisce il volo, svolge la sua attività in completa autonomia e senza contributi pubblici, affittando uno dei molti aerei ‘inutilizzati’ di Alitalia, a proprio esclusivo rischio economico”.

I presidenti provinciali Bertolotto e Giuliano concludono il testo chiedendo a Santoro di dare lettura, nel corso della prossima trasmissione sulla seconda rete Rai, della lettera e non mancano di sottolineare come il servizio giornalistico sia stato mandato in onda “in modo chiaramente strumentale, con inopportune riprese dell’abitazione privata di un membro del governo”.

Per vedere il servizio di AnnoZero clicca qui

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da maury

    x pippo: hai perfettamente ragione… ma non è vero che i 9 vigili del fuoco non si muovono dall’aeroporto… in certi casi partono anche loro. comunque resta il fatto che 9 vigili del fuoco in aeroporto sono “uno spreco del denaro pubblico”. e’ già capitato qualche volta che dalla caserma di Vadino non potevano uscire mezzi perchè non erano disponibili… in un caso sono partiti da Villanova… negli altri da Finale

  2. Scritto da pippo

    Ho già utilizzato l’aeroporto di Albenga per andare a Roma e l’ho trovato molto pratico e conveniente (anche se era ancora la gestione AirOne).
    Oggi tale convenienza è venuta meno, ma se i voli aumentassero potrebbero anche costare di meno.
    In questo momento tuttavia mi preoccupa e mi indigna un altro aspetto, che finora non è stato sottolineato da nessuno: né da Santoro, né da Scajola, né da Bertolotto.
    Parcheggiati presso l’aeroporto ci sono 9 Vigili del Fuoco, che non fanno niente se non attendere che qualche aereo arrivi o parta ed abbia problemi di atterraggio o decollo.
    In qualsiasi momento della giornata 9 Vigili del Fuoco sono a disposizione di un aeroporto che non si capisce ancora che funzioni dovrà avere.
    Se non sbaglio presso la Caserma dei Vigili del Fuoco di Albenga ci sono meno dei 9 pompieri di Villanova, e devono coprire un’area molto molto estesa.
    In caso di emergenze i Vigili del Fuoco di Albenga non sarebbero sufficienti, ma i 9 loro colleghi di Villanova da lì non si possono muovere.
    Sempre se non ricordo male, i Vigili del Fuoco hanno ovunque problemi di personale e di denaro.
    Mi chiedo allora: che senso ha bloccare 9 Vigili del Fuoco presso un aeroporto che oggi non ha ancora un suo ruolo? Nove professionisti dell’emergenza che – non per loro scelta – restano chiusi in una stanza tutto il giorno ad attendere il nulla.
    Che senso ha investire enormi risorse per mezzi di soccorso che oggi non servono, ma che invece servirebbero in altri aeroporti o altre stazioni dei Vigili del Fuoco?
    Chissà se qualcuno saprà dare una risposta a queste domande.

  3. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Comunque io non darei troppo peso ad una trasmissione “spettacolo”.
    .
    L’imparzialita’ e’ una dote necessaria per “fare una corretta comunicazione”, non tutti la possiedono e si limitano a “fare spettacolo”
    talvolta e’ gradevole e spiritoso ….. altre volte no,
    ma va’ preso per quello che e’ e se non vi e’ nulla di meglio…. puo’ essere divertente.
    .
    Peccato che alcuni personaggi troppo “faziosi” vengano pagati con soldi derivanti da una tassazione impropria,
    sarebbe auspicabile poter specificare, quando si paga la “tassa di possesso” del televisore, a che emittente si vuole devolvere l’obolo…….. (mi pare sia pari al 98% di quanto si versa allo Stato).
    .
    Credo che alcuni personaggi ce li toglieremmo di torno in fretta e senza alcun problema, ….. altri no (bisogna attendere il successivo turno elettorale).

  4. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Che sia uno spreco e’ indubbio.
    .
    Tuttavia bisogna guardare avanti penso che nei prossimi anni vi sara’ uno sviluppo enorme del traffico aereo …. per non restare isolati servono aereoporti in ogni provincia.
    .
    Ovviamente e’ una opinione personale ….. negli anni 70 mentre tenevo dei corsi di informatica spiegavo ad alunni increduli …. che mi devono aver ritenuto “pazzo” che non era un problema insolubile poter vedere la partita in una parte dello schermo del computer …….
    .
    Con la “lira” bastavano una ventina di milioni per avere un piccolo aereo per due in scatola di montaggio …. meno di una buona vettura ….. ma poi dove si atterra? Non credo passeranno altri dieci anni prima che ………
    .
    Ma per costruire un aereoporto e tenerlo in piedi ci vuole tanto tempo, i nostri governanti sono da sempre (e’ convinzione diffusa) dei pessimi governanti spreconi e ……. (ognuno puo’ inserire la sua opinione) ma in questo caso …. meglio risparmiare su inutili e fastidiosi fuochi d’artificio e sponsorizzazioni di feste paesane per pochi intimi e tenerci caro un investimento per il futuro.

  5. Scritto da antonio gianetto

    Su quanto sopra abbiamo già una prima risposta, viene dall’ Espresso web:
    –Decolla l’Alitalia high cost —
    ” Meno rotte. Utilizzo intensivo di ogni apparecchio. E tariffe rincarate fino al 30 per cento. Così la nuova compagnia cercherà di realizzare utili. Senza concorrenza sulle tratte interne” .
    Sembrerebbe che non siano intenzionati a mantenere fermi aerei inutilizzati sulle piste.