IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Provincia difende le scelte in materia di caccia al capriolo

Più informazioni su

[thumb:675:l]Provincia. Caccia aperta al capriolo, in provincia di Savona, dal 19 giugno al 14 luglio e dal 16 agosto al 29 settembre. La Provincia ribadisce la correttezza tecnica delle scelte effettuate, confortate dall’Istituto Nazionale di Fauna Selvatica, e sottolinea che il numero eccessivo di capi rappresenta un danno per l’equilibrio stesso dell’ecosistema.

La caccia di selezione al capriolo nel Savonese è predisposta dall’amministrazione provinciale in base ad un censimento coordinato e diretto da docenti dell’Università di Genova. I censimenti hanno interessato gran parte del territorio e sono stati eseguiti da gruppi di volontari cui sono stati invitati appartenenti a diverse associazioni venatorie ed ambientaliste.

“La presenza del capriolo in Provincia di Savona è stata valutata in 13.894 capi e pertanto si è deciso che il numero abbattibile necessario per un opportuno controllo del numero fosse rappresentato da 1.461 capi (pari al 10,52%) divisi per sesso e classi di età – osservano i dirigenti di Palazzo Nervi – Tale azione rappresenta oggi una necessità in quanto la presenza eccessiva del capriolo minaccia l’esistenza stessa delle coltivazioni agricole e dei boschi. I tempi sono stati scelti in funzione del parere dell’Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica che ha individuato dal 19 giugno 14 luglio e dal 16 agosto al 29 settembre per i maschi e dal 1 gennaio al 15 marzo per le femmine periodi ottimali per la conservazione della specie e per il rispetto della biologia della stessa”.

“Chiedo più senso della misura anche nei proclami – ha detto Carlo Scrivano, l’assessore alla caccia della Provincia – Ogni anno c’è chi parla di stragi di animali; stiamo parlando invece di una caccia di selezione per una specie che di anno in anno aumenta vistosamente con quasi 1400 capi censiti e che proprio per il numero eccessivo di animali causano seri danni sia ai boschi sia alle attività agricole”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da christian

    non voglio commentare la scelta che va nella direzione più facile, troppi caprioli? eliminamoli! (correttezza tecnica…..)
    Mi chedo però se il 25 giugno (periodo di caccia ai masche) un cacciatore dovesse “erroneamente” sparare ad una femmina, cosa succede? chi controlla? e a quello “sfortunato” cacciatore cosa succede?
    grazie