IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lettere al direttore

“A.P.P.I.F. del Cav.”

Più informazioni su

Da quando è stato decretato lo scioglimento delle Camere, si assiste ad un bombardamento quotidiano da parte di molti iscritti e di molti altri potenziali Elettori di C-D i quali, attraverso lettere ai giornali e nei mille blog della rete, reclamano a gran voce elezioni primarie per la designazione dei candidati, od almeno grosse novità nelle liste.
Anche molti editorialisti di area hanno sposato questa causa e l’hanno sostenuta a spada tratta in questi giorni. Questo significa che gli Elettori, sapendo di non poter esprimere preferenze in sede di voto, vorrebbero almeno assicurarsi che le liste siano composte da candidati graditi, od almeno accettabili.
A questo punto potevano le segreterie del P.d.L. restare sorde e mute di fronte a cotanto furore democratico? Certo che no! Una risposta ci voleva: magari una risposta qualunque.
Magari una risposta come quella di un albergatore che, di fronte alle proteste dei clienti per via delle camere invase dai topi, non trova nulla di meglio che rispondere sottoponendo alla loro approvazione il menu del giorno.
Così ha risposto in effetti il P.d.L. ai propri Elettori: con una bella primaria che va in onda nel week-end, per la definizione del programma del governo prossimo venturo.
Ora, visto che l’unica cosa già ampiamente scontata e condivisa a priori – ancorché non ancora formalizzata – era proprio il programma, la risposta del Cavaliere fa pensare proprio a quella dell’albergatore: un’Autentica Presa Per I Fondelli: l’A.P.P.I.F. del Cav., appunto.
Viene tuttavia da chiedersi: chi avrà avuto in realtà l’idea?
A noi, piccoli ed insignificanti elettori cui è raccomandato votare, ma non è dato sapere, è inevitabile che il pensiero corra a tutti quegli aspiranti candidati – uscenti od entranti – che sicuramente temono un autentico giudizio popolare sulle loro candidature, molto più di una eventuale vittoria di Veltroni.
Il rischio è che la gente si accorga che questa democratica – ma non richiesta – definizione del programma è soltanto un’A.P.P.I.F. e se ne abbia a male in vista del voto.
Resta da sperare che il Cav., con uno dei colpi d’ala cui ci ha ripetutamente abituati, riesca comunque a sfornare delle liste abbastanza belle, da non fargli perdere troppa parte del vantaggio che il C-D apparentemente ha.

Emilio Barlocco

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da milena d

    Ho letto che Rutelli, benche’ candidato sindaco a Roma, sara’ lo stesso capolista per il parlamento, ma non nella stessa citta’, per decenza (bonta’ sua!) bensi’ in un altra circoscrizione.
    Tipico giochino di prendere i voti con il nome di richiamo per poi farlo dimettere e dare il seggio a qualcun altro, sempre scelto dal partito e non dagli elettori.

    E’ semplicemente vergognoso. Almeno avessero avuto la dignita’ di proibire le candidature multiple.

  2. Scritto da antonio gianetto

    Mi pare che sia previsto, per tutti i capi famiglia, l’ arrivo di una lettera di Berlusconi!
    Ho appreso che la spartizione della torta dei contributi elettorali venga effettuata sul numero totale degli elettori.

    26/02/2008 – 18:46
    Vincenzo Matteucci-Indipendentista Ligure, LIGURIA
    http://www.mil2002.org
    LA “TRUFFA” del RIMBORSO ELETTORALE!

    Tutti si preparano alla “commedia” delle candidature che verranno decise a Roma! Come hanno deciso a Roma che i partiti si prenderanno il rimborso elettorale calcolandolo sulla base di TUTTI GLI AVENTI DIRITTI AL VOTO, quindi anche da tutti coloro che non andranno a votare, o voteranno scheda bianca, o annulleranno il voto! Per protesta possiamo mettere in atto un vero “boicottaggio elettorale”, chiedendo al Segreatrio di seggio di mettere a verbale che, presa la scheda elettorale, NON INTENDIAMO VOTARE , per PROTESTA a causa del “RIMBORSO ELETTORALE”. Così facendo, rallentiamo le operazioni di seggio e se tantissimi lo facessero, si “intaserebbero” i seggi !! Sarebbe un GIUSTA PROTESTA alla “prepotenza” dei partiti !
    Chi seguisse questo suggerimento a che cosa andrebbe incontro? Quella legge prevedeva che sul certificato elettorale venisse riportata l’ iscrizione ” NON HA VOTATO ” è mai stata applicata?

    Chi non approva questo genere di politica, e volesse evidenziarlo, come dovrebbe comportarsi per manifestare la sua contrarietà?

  3. Scritto da lucky

    non si può che essere d’accordo con il sig. Pirastu…

  4. Bruno Pirastu
    Scritto da Bruno Pirastu

    Mi sembra di aver letto la notizia per cui Berlusconi, come già in passato, sarà Capolista in tutte le Circoscrizioni. Un segnale forte di centralismo, anche, comprensibile. Quello che , sulla scia di quanto detto dal sig, Barlocco , preoccupa sono i cosidetti SEGGI SICURI ! Circoscrizioni dove è scontato che chiunque sia il Candidato , sarà comunque eletto. Il bello è che i Partiti se ne vantano, non pensando che così offendono palesemente non tanto l’intelligenza e libertà di scelta degli Elettori quanto la stessa Democrazia Elettorale. Forse l’astensione dal Voto dipende anche da questo modo di agire da parte delle Segreterie e dei Leader. Ridicolo che sui simboli adesso si scriva il Cognome, mi ricorda le zuffe per avere il primo posto in alto sulla Scheda si che il popolo bue non si sbagliasse a votare !!! Forse hanno ragione ma certo è che i Politici hanno un concetto degli Italiani veramente penoso e deludente.