IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vado, presidio dei Verdi contro la piattaforma Maersk

Più informazioni su

[thumb:840:l]Vado Ligure. Presidio del Gruppo regionale e della Federazione provinciale dei Verdi a Vado Ligure contro il grande progetto della piattaforma container Maersk fino alla consultazione popolare che si svolgerà domenica 20 gennaio nella cittadina vadese.
L’iniziativa sarà presentata domani mattina nell’area del mercato nella cittadina del ponente dal consigliere regionale Carlo Vasconi: obiettivo del “sit-in” dare una corretta informazione alla cittadinanza chiamata a rispondere a quattro quesiti. Per il “Sole che ride” la maxioperazione comporta l’interramento di un’estensione tale da occupare gran parte del golfo, e pertanto può essere valutata solo sulla base di una rigorosa analisi costi-benefici economico ed occupazionale. I Verdi hanno già espresso formalmente il loro parere negativo durante la dichiarazione di voto sul piano portuale.
“Ad oggi – spiega il consigliere Carlo Vasconi – non sono stati resi pubblici gli impegni che la Maersk ha sottoscritto ed in particolare quanto lavoro garantirà questa piattaforma, e con quali garanzie”.
Secondo Vasconi, nel golfo di Vado lo spazio costiero è già compromesso dalle opere del porto commerciale e dai collegamenti con le infrastrutture, e, quindi, occorre una seria valutazione dell’impatto ambientale legato alla movimentazione dei container in termini di traffico e d’inquinamento acustico, dell’aria e delle problematiche relative alla stagnazione delle acque nella rada di Porto Vado.
“La verità – conclude Carlo Vasconi – è che l’ipotesi di collegamento con un sottopasso risulta inattuabile per motivi idraulici ed idrogeologici, e la realizzazione del sovrappasso dell’Aurelia risulta inaccettabile sotto il profilo ambientale e soprattutto paesistico. Con questo intervento, infatti, è assicurato che il 60% dei container viaggerà su gomma, si verificherà un aumento significativo delle polveri sottili, l’abitato retrostante verrà isolato verso il mare da una barriera che si alzerà fino all’altezza delle case dove circoleranno i mezzi pesanti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Bruno Pirastu
    Scritto da Bruno Pirastu

    Posso ? E’ di questi tempi la sospensione del lavoro nel porto container di Genova a causa del maltempo ma anche , specialmente , per il vento. I Containers non possono essere movimentati perche dondolando non possono essere posizionati in modo corretto sia all’imbarco che allo sbarco. Quanto sia stata pesante per il traffico genovese tale situazione lo abbiamo visto più volte. Anche a Vao soffia la tramontana e forte, probabilmente ci sarebbe la replica di quanto accaduto a Genova. Sulla base di questa esperienza come si è pensato alla soluzione in quel di Vado ? Spero non si sia dimenticato il problema anche se non vedo nel progetto aree di stazionamento al di fuori della piattaforma ed impensabile pensare al piazzale definito poposamente autoporto al casello di Legino.