IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Santa Corona: i sindaci del Finalese ribadiscono il no al piano sanitario

Più informazioni su

[thumb:3327:l]Pietra Ligure. Ancora dure critiche al piano sanitario regionale da parte dei sindaci del Finalese, che ribadiscono l’opposizione alla deaziendalizzazione dell’ospedale Santa Corona. L’altra sera alla conferenza dei sindaci tenutasi a Pietra Ligure, alla presenza della Rsu del nosocomio pietrese e del Comitato di difesa, è stata accolta la proposta dei sindaci De Vincenzi e Vaccarezza per un nuovo documento unitario contro il riordino ospedaliero deciso dalla Regione.
Il testo sarà votato da una quindicina di Comuni del ponente savonese, sia costieri che dell’entroterra. Fuori dal coro, dunque a favore delle deaziendealizzazione, il Comune di Calice con il sindaco Gio Batta Decia. Su posizioni attendiste invece Boissano, la cui giunta si riserva di discutere l’argomento.
Il documento, che sarà inviato alle amministrazioni dell’Albenganese, è l’ultimo tentativo per indurre la giunta Burlando ha fare un passo indietro. Servirà a sottolinerare ancora una volta il no alla perdita di status d’azienda prevista per il Santa Corona e a rilanciare l’idea di un’integrazione dello stesso con l’ospedale Santa Maria di Misericordia di Albenga.
Secondo il primo cittadino pietrese Luigi De Vincenzi “il piano approvato dalla giunta regionale non dà garanzie sul fatto che l’ospedale di Pietra non sia depotenziato”. Angelo Vaccarezza, sindaco di Loano, ha sottolineato che il testo contro la deaziendalizzazione “verrà sottoposto all’Albenganese, al Savonese e alla Valbormida, con buona probabilità di essere approvato da una trentina di Comuni. Bisogna alzare la voce per farsi sentire”.
Alessandro Garassini, alla guida del Comitato di difesa, ha pronunciato parole severe: “Uno dei migliori ospedali italiani è in via di smantellamento. E’ impensabile. Non ci sarà nessun risparmio. Diminuiranno invece i servizi ai cittadini. Siamo pronti ad azioni legali contro le scelte irragionevoli della Regione”.

[image:3327:c:s=1]

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.