IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lettere al direttore

Ricordo della nave “Tito Campanella”

Più informazioni su

Quella Nave è ancora oggi presente nei nostri cuori. Per lungo tempo ormeggiata in andana presso i Cantieri Campanella di Savona ci salutava quando, in prossimità della galleria di Valloria, uscivamo o rientravamo nella nostra Città.
Dopo quegli interminabili lavori di manutenzione riprendeva il mare per andare incontro alla assurda tragedia che la inabissava con i suoi, anzi nostri, 24 uomini di equipaggio nelle acque del Golfo di Biscaglia.
Nessun corpo venne mai ritrovato.
Fu avvistata per l’ultima volta il giorno 13 di Gennaio del 1984.
Tra quei 24 lavoratori del mare c’ erano in Ruolino Equipaggio 3 nostri concittadini che allungavano così, la lista a testimonianza del tributo savonese al mare tanto amato e pur così crudele con i sui figli.
A ricordo di quegli uomini, tragicamente rubati alla vita, verrà officiata nella Chiesa di San Raffaele al Porto di Savona , Domenica 20 Gennaio 2008 alle ore 10.00 una Santa Messa.
La Messa verrà officiata da Don Genta della Stella Maris di Savona.
Gli iscritti dell’Associazione Nautico “Leon Pancaldo” di Savona saranno presenti.

Vito Cafueri,
Savona

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da antonio gianetto

    Fu avvistata per l’ultima volta il giorno……., l’ ultima posizione segnalata: alle 12 00 GMT lat…….
    long…….. ( i comandanti hanno l’ obbligo di segnalare la posizione, quando in navigazione, tutti i giorni all 12 00 tempo medio di Greenwich ). Si contano a centinaia le navi che si sono perse con tutto l’ equipaggio, senza sapere neppure dove sono affondate, anche mio padre nel 1943 ha avuto quel destino, ( nel mio caso essendoci stati dei sopravvisuti, mi consolo soltanto nel sapere le coordinate geografiche dell’ affondamento della nave ), non è scomparso per colpa del mare, ma per un siluro inglese.
    Nonostante la tecnologia abbia fatto passi avanti, ancora non sono riusciti a monitorare la reale posizione delle navi. Adesso, come leggerete sotto, ci saranno delle novità, non per tutte le navi però, soltanto per quelle di nuova costruzione e forse l’ obbligo per le navi da crociera.
    Le navi esistenti continueranno ad andare avanti col solito andazzo, avranno delle deroghe e forse nel giro di almeno 10- 20 anni, le regole entreranno in vigore per tutte le navi.
    La tecnologia costa molto, la vita umana in mare molto poco!

    Tratto da informare.it del 20 dicembre 2007

    “” Il prossimo 1° gennaio entreranno in vigore alcuni emendamenti alla convenzione SOLAS (Safety of Life at Sea) dell’International Maritime Organization (IMO) relativi all’identificazione delle navi e al tracciamento delle rotte delle navi. Con tali emendamenti verrà assegnato un anno di tempo alle nazioni contraenti per istituire un sistema LRIT (Long Range Identification and Tracking) per il monitoraggio del traffico marittimo e un anno di tempo alle società che operano le navi per installare le necessarie attrezzature a bordo affinché possano essere trasmessi dati utilizzabili dal sistema LRIT.”