IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Porci e porcelli ad Albenga: incontro organizzato dalla Coop

Più informazioni su

Albenga. Il prossimo appuntamento di “Corsi & Percorsi”, il programma che Coop Liguria dedica alla cultura del gusto, al consumo consapevole e ai prodotti tradizionali, si terrà venerdì 18 gennaio alle ore 16 presso la Sala Punto d’Incontro del supermercato Coop di Albenga. Intitolato “Porci e porcelli”, l’incontro – aperto al pubblico – sarà dedicato alla storia per immagini del maiale nella cultura contadina e nell’iconografia dei santi.
Nel corso della vivace conferenza tenuta da Elena Serrati, non mancheranno accenni alla tradizione alimentare regionale, che non vanta soltanto prosciutti e salami. Dal berodo alla zeraria, un viaggio nelle produzioni tipiche liguri che si concluderà con una golosa degustazione di salumi nostrani.
L’incontro è incentrato sull’importanza nella cultura contadina del maiale, animale poco diffuso in Liguria perché necessita di un ambiente e un’alimentazione più tipici della pianura e dei climi freddi dell’Europa settentrionale, dove viene valorizzato molto anche in gastronomia.
Non mancano tuttavia esempi di utilizzo, con esiti notevoli, anche nelle produzione di salumi e nella cucina nella nostra regione. Nell’atlante dei prodotti tipici liguri è da segnalare l’area del Sassellese che, a cavallo tra la zona costiera e quella padana, ben si presta a questi impieghi e che costituisce uno degli esempi più interessanti, anche se poco conosciuti, di produzione di prosciutto cotto e lardo: una prelibatezza, quest’ultima, lavorata per essere spalmata sul pane caldo.
L’attenzione si focalizza poi sul santo che per eccellenza viene associato al porcello: Sant’Antonio, con particolare riferimento alle leggende sarde e calabresi dove la presenza del maiale ricorda come il lardo fosse utilizzato per alleviare le sofferenze dovute al doloroso “fuoco” che del santo porta il nome.
Un aspetto particolare e di attualità – tenuto conto dell’immigrazione dai paesi di religione musulmana – riguarda la proibizione rispetto al consumo di carne suina nell’Islam e nella religione ebraica. Sovente questo aspetto viene ricondotto a esigenze di natura igienica, mentre studi antropologici dimostrano come questo divieto rientri nelle strategie sociali anticamente adottate dalle popolazioni nomadi essendo l’allevamento del maiale, poco compatibile con l’ambiente desertico.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.