IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Aurelia chiusa sino a giugno a Capo Noli

Più informazioni su

[thumb:5139:l]Noli. Niente riapertura dell’Aurelia a senso unico alternato, come era invece previsto per stasera, nel tratto di Capo Noli interessato dalla frana. Il Comitato provinciale di sicurezza, verificando la sussistenza dello stato di pericolo di smottamenti, ha deciso di rimandare a giugno la riapertura della strada. Le imprese specializzate necessitano di tempi lunghi per portare a termine gli interventi di messa in sicurezza.
In questi giorni i tecnici hanno ripulito la sede stradale da tutti i massi pericolanti e dai detriti che sono stati rimossi dalla parete e sono ora impegnati in una complessa operazione di chiodatura e di posa di reti. L’intervento, secondo una prima stima, ammonterebbe a circa un milione e mezzo di euro.
Per domani è convocato un nuovo incontro in Prefettura. L’assessore provinciale Pierluigi Pesce cercherà, fra l’altro, di ottenere dalla direzione dell’Autofiori Spa il pedaggio gratuito tra i caselli di Finale e Spotorno, per sollevare dal pagamento gli automobilisti costretti a ricorrere all’autostrada per agirare l’ostacolo, ma in questo senso è comunque ipotizzabile che non sia fatta alcuna concessione. La chiusura della via Aurelia a Capo Noli potrebbe comportare anche qualche problema per il passaggio della Milano-Sanremo, la gara di ciclismo per professionisti.
“Per motivi di sicurezza – ha detto l’assessore alla viabilità Pesce – in accordo con Prefettura e Forze dell’Ordine – si è deciso per la non riapertura della strada, prevista invece per oggi a senso unico alternato. Proprio questa mattina, infatti, dopo un’esplorazione della parete rocciosa, i tecnici avevano comunicato la pericolosità e la mancanza di sicurezza della parete e la necessità di una bonifica della zona nonostante gli interventi effettuati nei giorni scorsi”.
“La via Aurelia – ha proseguito l’assessore – rimarrà chiusa fino al mese di giugno. Domani la Provincia convocherà un incontro con Autostrade Spa per trovare soluzioni ai disagi degli automobilisti e chiedere la razionalizzazione degli interventi sul tratto autostradale tra Spotorno e Savona che, con il senso unico alternato, rallenta la circolazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da DS

    Siamo in Italia…
    Se l’autofiori decidesse di esentare dal pedaggio chi percorre la tratta Finale-Spotorno dovrebbe sicuramente inventare un sistema (contrassegni, ticket, ecc.) per identificare chi ha necessità di tale esonero, bene, fin qui ci siamo..
    Il punto è che salterebbero fuori furbi, furbetti, amici degli amici, sindaci, assessori prov. e reg., consiglieri prov. e reg., consiglieri di amministrazione di società pubbliche, figli amici e amanti di tutti questi potenti, con il risultato di fare le pulci al pendolare che chiede l’esenzione e chiudere tutte e due gli occhi davanti alla varia umanità di cui sopra.
    Nel dubbio, quindi, paghiamo tutti anche perchè l’autofiori è monopolista, nel senso che l’aurelia (ex strada STATALE n.1) è inservibile per frane, semafori rotonde piazzate qua e là dai vari feudatari, il treno fa quello che può, male e quindi chi deve muoversi ha solo l’a10 le cui entrate finanziano anche le amministrazioni locali, le quali, conseguentemente non hanno alcun interesse a diminuire gli introiti dell’autostrada men che meno realizzando una aurelia bis che sarebbe gratuita e sottrarrebbe alla a10 la miniera d’oro del traffico locale..

  2. Scritto da Lau

    GRAZIE NELL’ARTICOLO N.20677 del 1 febbraio SI ATTESTA CHE L’ON PEDRINI è INTERVENUTO SULLA QUESTIONE, è un primo passo ottenuto….speriamo ce ne siano altri.

  3. Scritto da Lau

    LO ripeto per favore vi prego concentriamoci sugli operai e similari (padroncini, agenti di commercio, impiegati) che devono andare in fabbrica etc. partendo da tutta la prov di savona (alla Piaggio sono in tanti proprio tanti) e devono accollarsi 100 euro di spese ingiustificate: questo è sciaccalaggio da parte dell’autostrada…chissenefrega della mi-sanremo: son ciclista anche io ma ora la questione SOLDI è PRIORITARIA! son in tanti a fare fatica a fine mese…anche nella ricca Liguria….ho inviato lettere di protesta ovunque anche in Parlamento, al Tg3 alla Stampa al Secolo etc etc. NON servirà a nulla son sola una singola: MA QUESTA è UNA PRESA PER I FONDELLI. Ai metalmeccanici hanno accordato 100 euro lordi…ecco sanno già come spenderli….
    Ps esatto passare dalle Manie è assurdo: la spesa della benzina equivalerebbe a quella dell’autostrada con in piu perdita di tempo sacro. grazie

  4. Bruno Pirastu
    Scritto da Bruno Pirastu

    Parlando di tariffe , cosa che interessa molto di questi tempi duri , ho fatto una piccola ricerca su Internet ed è venuto fuori che per i 107 km tra Savona e Xxmiglia si pagano 11.10 euri cioè 0.103 euri a km mentre per la tratta di Genova – Milano di 126 km se ne pagano solo (!!) 07.20 pari a 0.057 euri/km, praticamente la metà !!!. Ho fatto da Genova e non Savona per non far incidere il tratto Savona Genova dell’Autostrada dei Fiori, notoriamente cara. A questo bisognerebbe aggiungere anche il livello dei servizi , tra Savona e Genova non esiste nemmeno la corsia di emergenza e le gallerie sono come sono e le code le conosciamo tutti , entrare a Genova è peggio che fare la Tangenziale Sud di Milano. Pesano evidentemente anche i balzelli regionali

  5. Scritto da fireman

    per chi ha consigliato di andare a lavorare passando dalle manie…..mi può spiegare per uno che abita a loano e lavora a vado come diavolo fà a passare dalle manie…..spende più di gasolio che di autostrada ( finale-spotorno )…comunque è uno schifo…questo è il risultato di decenni di menefreghismo a discapito dell’onesto cittadino che paga le tasse e come servizio gli viene detto che deve pagarsi obbligatoriamente l’autostrada per recarsi al lavoro!
    Per quanto riguarda il giro d’Italia……potrebbe essere una soluzione… di certo tutt’Italia vedrebbe che non siamo solo cemento,idiozie e prezzi folli!
    Comunque un monito va anche all’autostrada dei fiori che come tariffe…bhè le definirei rapine legalizzate….e1,20 per percorrere un tratto brevissimo di autostrada quando con poco più di 10 e vado da Pietra Ligure a Milano e percorro 200 km!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!