IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La foto dei Lettori di IVG.it

Savona, la storia infinita della Stazione ferroviaria di Mongrifone foto

Più informazioni su

[image:5228:c:s=1]

Sembra che penda una antica maledizione dei faraoni, sulla stazione ferroviaria di Savona, l’unica in citta’, la Stazione Mongrifone. Questa maledizione fa si’ che ogni intervento di ristrutturazione, che la vada a toccare, abbia dei tempi lunghissimi , quasi biblici, con enormi disagi per gli utenti.
La stazione viene progettata e costruita dagli ingg. Nervi e Batoli, intorno al 1961, appena messa in piedi, arriva in gran pompa magna il presidente della Repubblica Antonio Segni, attorniato dai notabili democristiani dell’epoca, la inaugura nel corso del 1962, dopo un anno al povero Segni gli arriva un ictus che lo costringe ad abbandonare la presidenza della repubblica per inabilita’.
Dopo l’inaugurazione ufficiale che e’ solo di immagine, lo scalo ferroviario viene invaso dalle erbacce, dai rifiuti e da un campo di zingari, che vivevano rubacchiando nella zona dell’oltreletimbro. Bisogna aspettare il 1977, per vedere i binari e i treni che cominciano a transitare sotto le avveniristiche pensiline della stazione Mongrifone. Fatto sta, che un patrimonio di idee innovative e risorse economiche enormi, viene lasciato deperire per quasi 15 anni. A Savona, queste cose accadono con una certa frequenza.[image:5227:r:s=1]
Al presente, la situazione non e’ delle migliori: Centostazione e RFI ( gruppo FS ), confinanziano delle opere di ristrutturazione per 2,6 milioni di euro. Questi lavori in corso da mesi e mesi, iniziati, abbandonati in corso d’opera e poi ripresi, offrono uno spettacolo indecoroso di incuria, degrado, e disordine. La stazione inagibile al 90 per cento dei suoi locali, e’ un cantiere a cielo aperto, con tempi di fine lavori, che nessuno puo’ o vuole prevedere. Un vero Disastro, un biglietto da visita per i 5 milioni di passeggeri all’anno, di terribile pubblicita’: La stazione sembra reduce da un bombardamento aereo e il peggio e’ che questa distruzione appare senza fine nel tempo. I viaggiatori in arrivo e in partenza devono scendere per sentieri fangosi oppure affrontare lunghi percorsi kafkiani, sembra di arrivare in una stazione in Bosnia, dopo un attacco aereo. Questa e’ la triste realta’ della stazione ferroviaria di Savona.

[image:5226:c:s=1]

[image:5225:c:s=1]

Roberto Nicolick
Consigliere Gruppo Misto Provincia di Savona

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. unbe
    Scritto da unbe

    Mi sono informato io. Questa è la situazione:

    http://www.centostazioni.it/re/savona.pdf

  2. unbe
    Scritto da unbe

    In questo caso non le si può dare torto. Questa situazione è veramente uno schifo. Ha provato a sentire Centostazioni ( http://www.centostazioni.it ) per sapere a che punto sono i lavori e i perchè del ritardo?