IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I tifosi del Savona contro Costa Crociere per la mancata sponsorizzazione

Più informazioni su

[thumb:2312:l]Savona. Sono arrabbiati i tifosi del Savona Calcio. A farli andare su tutte le furie non è stata soltanto la mancata sponsorizzazione della squadra calcistica cittadina da parte della Costa Crociera, ma la sorpresa nel vedere apparire il logo della compagnia navale, ben noto ai savonesi abituati a vederne attraccate le navi, sulle casacche da gioco di una squadra concorrente: l’Alessandria. I tifosi del Savona Calcio, sentendosi bistrattati, hanno deciso di protestare con una raccolta firme – oltre 400 – che sono state consegnate al sindaco Berruti. E presto nella città della torretta farà la sua comparsa un volantino sui disagi che comporta la presenza della flotta Costa nel porto di Savona.
A sollevare il caso in consiglio provinciale ci penserà invece il consigliere Roberto Nicolick, che ha osservato: “La sponsorizzazione alla squadra di calcio dell’Alessandria sarebbe rilevante: prevede infatti un importo annuale di ben seicentomila euro, per ben tre anni, il che significa un milione e ottocentomila euro. Quindi questa è la considerevole cifra che la Costa Crociere, pur usando ed abusando dello scalo savonese, ha deciso di impegnare per l’Alessandria dimenticandosi assolutamente che Savona ha una squadra di calcio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da antonio gianetto

    Mi sa che i nostri tifosi hanno ragione ad inca..arsi!
    A Napoli con soli 210.000 passeggeri questi benefici:
    Da informare.it 12 dicembre 2007
    Nuovi uffici di Costa Crociere a Napoli Sono situati all’interno della Stazione Marittima Oggi Costa Crociere ha inaugurato i propri nuovi uffici situati all’interno della Stazione Marittima di Napoli. La nostra struttura, che copre un’area di quasi 300 metri quadrati, oltre agli spazi operativi destinati ai dipendenti della compagnia crocieristica comprende anche un’area Vip riservata ai passeggeri che prenotano una suite sulle navi della flotta Costa in partenza dal porto del capoluogo campano. «Il nostro legame con Napoli – ha sottolineato il direttore generale di Costa Crociere, Gianni Onorato – dura da quasi 60 anni. Con le nostre navi abbiamo portato ben 20 milioni di euro di indotto alla città solo nel 2007, contribuiamo alla gestione della Stazione Marittima, compriamo qui molti dei prodotti enogastronomici che offriamo a bordo e siamo sponsor della SS Calcio Napoli». Quest’anno le navi della compagnia hanno effettuato 90 scali nel porto di Napoli, equivalenti a un traffico di 210.000 passeggeri (+5% rispetto al 2006).

    Quali saranno i reali benefici economici di Savona con quasi un milione?

  2. Scritto da DBradfield

    il problema di tutta questa faccenda è che si discute di problemi gravi come l’inquinamento, le ripercussioni economiche della Costa su Savona (passando per temi importanti e che ho a cuore come il turismo sostenibile) partendo da cosa?

    Da una mancata sponsorizzazione al Savona calcio???

    Scusate ma mancata in che senso? Vi era dovuta? Che necessità ha il marchio Costa (che nel bene e nel male è una delle più potenti compagnie crocieristiche del mondo) di legarsi ad una squadra di serie D? Trovo bizzarra anche io la scelta di sponsorizzare l’Alessandria, ma non trovo strano che non abbia sponsorizzato il Savona.

    Da un lato ci sono persone che hanno a cuore le problematiche dell’avere le navi Costa a Savona, dall’altra persone vogliose di alzare un polverone per ripicca.

    A queste persone dico: grazie mille, ma so già benissimo quanto il calcio sia un paravento per interessi economici e politici. Palesarlo in questa storia è solo un raro esempio di provincialismo un po’ demenziale…

  3. arianna
    Scritto da arianna

    Non sono esperta di calcio ma, non per questo sono tonta.
    In questa vicenda,fin da la sua nascita, ho potuto confortarmi pensando che, forse, non fossi sola ad aver seguito poco lo sport nazionale.
    Concludendo mi sembra giusto che chi e’ pronto a farlo dia lo SPONSOR a chi lo puo’ far rendere un po’ come il VOTO e/o la PREFERENZA ELETTORALE.

  4. Bruno Pirastu
    Scritto da Bruno Pirastu

    Rimango sulla mia idea analitica iniziale. Quanto sta rendendo a Savona in primis e alla . diciamo , Privincia , il milione (1.000.000) di Crocieristi transitati a Savona ? Teniamo presente che siamoun porto di Imbarco/sbarco non una Tappa della Crociera, dove la gente per lo piu arriva con i Bus che riparte con gli sbarcanti. Mai visto iniziative , peraltro quasi impossibile , di Tour nel Savonese, Visita al Ceppo della Battaglia Napoleonica di Montenotte, visita al Parco del Beigua , Tour nella citta Medioevale , i portali di Via Pia, mai visto un gruppo organizzato al seguito di un Ombrello o Motoscafi che portino a fare il giro dell’isola di Bergeggi e la vista della costa dal Mare, se poi di notte è meglio, senza dimenticare il Priamar , la Pinacoteca, etc etc etc. Ci fosse il tempo per farlo e chi lo fa sarebbe bello ma non si fa e forse nemmeno si puo perchè i tempi sono quelli che sono. Se poi persone che vengono con i loro mezzi , in procinto di partire per le vacanze si fermano nel tragitto a mangiare e comprare gli Amaretti o i Chinotti ben vengano ma non mi risulta che ci sia stato un boom delle vendite. Se sommiamo queste carenze all’inquinamento , ambientale ed acustico e marino , al peso che ha sul traffico, senza avere riscontri reali di bilanciamento positivo , potrei pensare che non è un vantaggio per il Turismo classico che tutti si auspicano ed in primis chi vuole che la costa resti tale e non piattaforme o moli di cemento, che si veda il mare e non condomini costruiti sulla battigia e che si tuteli ed aiuti concretamente il commercio senza dare per scontato che basti dire che ci sono i Turisti.

  5. Scritto da antonio gianetto

    Preg.a Sig.ra
    Luisella
    Pensavo che Lei fosse stata in una delle crociere con la Costa che fanno scalo qui a Savona, volevo sapere se poteva informarmi sul perché i turisti a Savona, ad eccezione di quello che avevo sopra segnalato, non comprano. A bordo è più facile essere informati. Le ho segnalato se era a conoscenza sulla fine che facevano i liquami delle navi, in particolare quelle da crociera, perché, al contrario di treni ed aerei, sembra che siano una grossa fonte di inquinamento e preoccupazione, tanto che sono intervenuti regolamendando la materia con l’ annesso IV della Marpol 73/78.
    Purtroppo i bambini che chiedono l’ elemosina non si vedono solo andando in crociera, ormai il fenomeno sta prendendo sempre più piede anche nel nostro paese!
    Sul fatto che abbiamo una costa molto bella e non la sappiamo valorizzare, mi trova pienamente in sintonia, il problema è che, qui a Savona, valorizzare viene inteso come distruggere per cementificare.
    Le avevo segnalato il problema dell’ aria viziata, in quanto, come saprà, a Savona, siamo arrivati a concentrare in un piccolo spazio oltre 15.000 turisti ai quali bisogna aggiungere anche qualche migliaio di componenti gli equipaggi, e logicamente, quanto estratto dalla nave si disperde nell’ area circostante, assieme ai fumi della combustione del combustibile.