IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cairo si mobilita per dire no alla discarica della Filippa

Più informazioni su

Cairo M. Si fa sempre più acceso lo scontro tra il Comune di Cairo Montenotte e la Provincia di Savona per la realizzazione della discarica della Filippa. Centinaia le persone presenti all’assemblea organizzata dall’associazione “Salute Ambiente Lavoro” che si è svolta la Cinema Abba di Cairo. Presenti i medici Ugo Trucco, presidente provinciale dell’Ordine, ed il pneumologo Paolo Franceschi, che hanno illustrato i rischi per la salute che comportano le discariche per rifiuti speciali, soprattutto in un contesto già compromesso dal punto di vista ambientale (vedi Acna e Camilog), come quello della Val Bormida.
Il sindaco di Cairo Montenotte Fulvio Briano ha ribadito la necessità di fare fronte comune per opporsi alla discarica, evitando polemiche interne alla comunità cairese che da anni si batte contro il progetto. Il 24 gennaio è prevista la sentenza del Tar che dovrà pronunciarsi sui ricorsi presentati da associazioni e comitati cittadini contro la discarica, e a Cairo sarà mobilitazione generale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da jonchin

    E pensare che Marco Bertolotto,medico, durante la campagna elettorale si era impegnato a non far arrivare altri impianti inquinanti in Valbormida perche’ aveva avuto esperienza personale della forte diffusione di malattie causate da inquinamento ambientale nella valle (tumori ed altre patologie ) gia’ ai tempi in cui era studente di medicina. Questa era stato dichiarato pubblicamente da Bertolotto due anni fa, ma si vede che il tempo cura tutto oppure il potere cancella la memoria

  2. Scritto da Marcigallo

    Ringraziamento alla redazione:
    Due giorni per scrivere 10 righe su un problema così complicato, grave, importante come la salute. Pensare che in prima pagina sono ben due giorni che non solo su “Il Vostro Giornale” ma anche su tutte le testate giornalistiche di spicco della provincia non si parla altro che delle minacce di morte al presidente Bertolotto. E che ne dite delle “minacce” di morte che la classe politica provinciale, che di classe ne ha ben poca, (penso alle dichiarazioni del presidente Bertolotto ai cairesi da lui chiamati MAFIOSI!) ha rivolto per l’ennesima volta alla valbormida rendendo sempre più difficile sfuggire alle malattie provocate dall’inquinamento? Ah si forse camuffando queste minacce di morte a lungo termine con leggi, con presunte prove tecniche, con presunte valutazioni tecniche, con rilevamenti fatti da importanti geologhi ora assessori, approvazioni redatte la vigilia di Natale e firmate in definitivo l’ultimo dell’anno. Sì, proprio come un ricordo di una fantasma del passato, regalo di un fantasma del presente, ma ahimé, a causa loro, funebre manifestazione del fantasma del futuro.
    Quanto tempo dovrà passare prima che si faccia veramente luce su tutto quanto di oscuro ruota attorno all’immondizia. Qualcuno che abbia voglia di osare un pò iù in la della punta del naso per scoprire la verità. Non guardiamo tanto lontano: l’immondizia di Napoli é molto più vicina di quanto possiamo pensare (in tutti i sensi)