IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Basket, il Riviera non riesce a fermare la Reyer Venezia foto

Più informazioni su

Quiliano. La Tirreno Power Riviera prova a contendere la vittoria alla Reyer Umana Venezia con una prestazione decisamente generosa, ma nella 12° giornata del girone A di B d’Eccellenza i biancorossi, in formazione largamente rimaneggiata, si devono inchinare (65 – 76) alla caratura maggiore dei veneti. “Peccato” commenta a fine gara il presidente del Riviera, Roberto Drocchi, “sapevamo che sarebbe stata durissima, ma in alcuni momenti, quando siamo passati in vantaggio, sembrava che ce la potessimo fare. Poi però è venuto fuori il carattere dei nostri avversari, capaci di ingranare la marcia giusta nei momenti topici”.
Ma il presidente vadese può almeno consolarsi con un pubblico eccezionale, che ha fatto sfiorare il tutto esaurito: il palasport di Quiliano fa registrare il record di spettatori con quasi 900 persone. Inoltre la sconfitta non compromette la classifica del Riviera, anche grazie alle contemporanee sconfitte di Ozzano (sul campo del fanalino di coda Riva), Asti (battuta a Forlì) e Vigevano (superata in casa da Modena).
La partita inizia con 15′ di ritardo per la protesta dell’intera classe arbitrale dopo alcuni episodi di violenza accaduti su campi “caldi”. Davanti al Riviera, sceso in campo senza Bertinelli (con il quale la società si è accordata per la rescissione consensuale del contratto), Patria (ormai fermo dall’inizio della stagione per un brutto infortunio) e del play Bernardi (che ancora risente di dolori alla schiena dopo l’incidente di gioco nella sfida contro Asti), senza contare un Bocchini sceso in campo nonostante l’influenza, si schiera la corazzata Venezia, squadra allestita con grandi investimenti che dopo l’arrivo di Carrizo ha mostrato il suo vero carattere vincendo cinque partite consecutive.
E’ del veneto Persico il primo canestro, Nobile e Trionfo con una tripla ciascuno siglano il 6 – 2. Causin porta in vantaggio Venezia con cinque punti consecutivi (8 – 12). Ancora Causin, che mostra tutta la sua pericolosità, firma la tripla del 14 – 23, imitato subito dopo da Tisato che segna il 14 – 26. Il coach vadese Crotti decide di mettere alla prova i giovani Benedusi e Moreno, che alla fine saranno tra i migliori in campo. Il regista cubano Moreno si fa rincorrere da tutta la difesa veneta, poi passa a Benedusi che firma il 20 – 27. Guerci resiste alla pressione dei veneti e segna il 22 – 29. Poco dopo firma il 26 – 31 a 6″ dalla sirena.
Nel secondo parziale è Matalone ad aprire le danze. Ma a 1′ 30″ dall’inizio della frazione coach Dalmasson gioca la carta Carrizo e l’argentino viene subito servito nel contropiede fulminante di Rombaldoni. Ma il Riviera lotta e ci crede: Leva imposta, Benedusi tira e Matalone corregge in canestro per il pareggio 35 – 35. Il play vadese non sfrutta due tiri liberi per sbloccare il punteggio, mentre Crotti rimanda in campo gli esperti Trionfo e Bocchini al posto dei giovani Moreno e Benedusi. Dopo aver subito la tripla di Farioli (40 – 35), il Riviera deve rinunciare a Leva, infortunatosi ad una caviglia. La regia passa quindi al diciassettenne Moreno.
Al rientro dagli spogliatoi Nobile e Trionfo partono di slancio portando il Riviera ad accorciare le distanze fino al 42 – 49. Guerci firma il 44 – 49 ed il 46 – 49 portando Vado a -3. Inizia lo show di Trionfo, che con un tiro da tre arriva al 49 – 51. Lo scatenato Moreno smarca Nobile, bravissimo a farsi trovare pronto infiammando il pubblico con il pareggio 51 – 51 e costringendo coach Dalmasson a chiedere un time-out. Poi è la tripla di Nobile a portare il Riviera in vantaggio 5 4- 53, ma Tisato segna il 54 – 55.
Inizia l’ultima tesissima frazione di gioco e Trionfo tira da tre portando il Riviera in vantaggio 57 – 55, ma poco dopo Causin pareggia su tiri liberi. A quel punto la Reyer decide che è il momento di chiudere i conti: Rombaldoni firma la tripla del nuovo vantaggio veneziano (57 – 60), seguito subito dopo da Sartori, ancora da tre, che segna il 57 – 63. Mentre il Riviera fatica Sartori si concede ancora una tripla per il 61 – 68 e lo stesso ex serie A si ripete per il 63 – 73. Venezia avanza a suon di triple: è di Carrizo quella del 65 – 76 che mette la parola fine all’incontro.
“La coperta era cortissima” commenta il coach del Riviera Alessandro Crotti, “due giocatori in meno alla vigilia, uno febbricitante e un altro perso durante la partita. Sarebbe stata veramente un’impresa vincere contro una squadra come Venezia. Comunque devo riconoscere l’impegno dei ragazzi, che non hanno mai mollato”. Per quanto riguarda il play Leva, la distorsione alla caviglia potrebbe richiedere uno stop di almeno venti giorni, ma saranno gli esami medici previsti in settimana a dare una prognosi certa. In settimana la società valuterà anche le opzioni offerte dal mercato per riempire il posto lasciato vacante dalla partenza di Bertinelli.
Il tabellino:
Tirreno Power Vado Ligure – Umana Reyer Venezia 65 – 76
(Parziali 26 – 31, 35 – 43, 54 – 55)
Tirreno Power Vado Ligure: Benedusi 2, Trionfo 16, Bocchini 2, Moreno 2, Leva 2, Ferri ne, Guerci 18, Prandi ne, Nobile 14, Matalone 9. Allenatore: Alessandro Crotti.
Umana Reyer Venezia: Tisato 9, Rombaldoni 10, Causin 15, Persico 5, Farioli 11, Ferri 2, Sartori 11, Scarpa ne, Prandin 3, Carrizo 10. Allenatore: Eugenio Dalmasson.
Arbitri: Nicola Ranaudo (Milano) e Mauro Ceratto (Castellazzo Bormida).
I risultati della 12° giornata, nella quale 4 compagini hanno vinto in trasferta:
Santini Fulgor Fidenza – Assigeco Casalpusterlengo 72 – 83
Miroradici Finance Vigevano – Sati Trading Modena 82 – 86
Vemsistemi Libertas Forlì – Tubosider Asti 114 – 65
Garda Cartiere Riva del Garda – Pentagruppo Ozzano 86 – 77
Tirreno Power Vado Ligure – Umana Reyer Venezia 65 – 76
Intertrasport Treviglio – Paffoni Fulgor Omegna 78 – 84
Sil Lumezzane – Nobili Lago Maggiore Castelletto 71 – 55
La classifica vede Casalpusterlengo davanti a tutti, con 2 sole sconfitte:
1° Assigeco Casalpusterlengo 20
2° Vemsistemi Libertas Forlì 18
3° Sil Lumezzane 16
3° Nobili Lago Maggiore Castelletto 16
5° Intertrasport Treviglio 14
5° Santini Fulgor Fidenza 14
5° Paffoni Fulgor Omegna 14
5° Umana Reyer Venezia 14
9° Miroradici Finance Vigevano 10
10° Pentagruppo Ozzano 8
10° Tirreno Power Vado Ligure 8
12° Tubosider Asti 6
12° Sati Trading Modena 6
14° Garda Cartiere Riva del Garda 4

Alcune immagini dell’incontro:

L’ingresso in campo della Tirreno Power:

[image:4945:c:s=1]

La tifoseria vadese:

[image:4955:c:s=1]

La palla a due:

[image:4954:c:s=1]

Gli ultras veneziani:

[image:4953:c:s=1]

Il presidente Drocchi:

[image:4952:c:s=1]

[image:4951:c:s=1]

[image:4950:c:s=1]

[image:4949:c:s=1]

Leva a terra infortunato:

[image:4947:c:s=1]

Trionfo rilancia un contropiede:

[image:4946:c:s=1]

Carrizo e Nobile sul pallone:

[image:4965:c:s=1]

Le squadre rientrano negli spogliatoi a metà gara:

[image:4964:c:s=1]

Moreno imposta l’azione vadese:

[image:4963:c:s=1]

Fasi di gioco sotto canestro:

[image:4962:c:s=1]

[image:4961:c:s=1]

Il pubblico gremisce la tribuna:

[image:4960:c:s=1]

Rombaldoni palla in mano:

[image:4959:c:s=1]

[image:4958:c:s=1]

[image:4957:c:s=1]

L’esultanza dei vincitori a fine partita:

[image:4956:c:s=1]

[image:4966:c:s=1]

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.