IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Attrezzature portuali: colosso finlandese approda a Vado Ligure foto

Più informazioni su

[thumb:5134:l]Vado Ligure. Nell’ambito della discussa questione Maersk a Vado ligure, il colosso multinazionale finlandese Konecranes, leader mondiale per la fornitura di attrezzature portuali per il sollevamento, ritiene che la realizzazione della piattaforma rappresenti una grande opportunità di sviluppo per il territorio e le sue imprese. Da alcuni mesi Konecranes ha iniziato a operare direttamente sul mercato italiano proprio a partire da Vado Ligure, dove nell’Agosto 2007, ha insediato la sua sede operativa italiana.
Qualora la piattaforma venisse realizzata, Konecranes, già fornitore di Maersk nel porto di Rotterdam, si troverebbe a dover raddoppiare il personale impiegato a Vado Ligure che oggi già conta una trentina di unità. “Konecranes è quotata alla borsa di Helsinki ed è presente in 45 paesi con oltre 370 sedi sparse in tutto il mondo, conta circa 8.000 dipendenti e ha un fatturato aggregato vicino ai 2.000 Mld di Euro; la presenza di Konecranes a Vado Ligure rappresenta un evento importante per Savona e la provincia: “è come se la Nokia aprisse una sua unità operativa Italiana a Vado Ligure”.
Così Doriano Mistrangelo, direttore della Port Unit italiana, commenta l’ingresso nel settore marittimo portuale della multinazionale finlandese. “Stiamo inoltre definendo l’apertura di altre due unità locali, una in Sardegna e un’altra a Trieste, dove già alcuni nostri clienti ci hanno chiesto servizi e attrezzature. Ammontano infatti a oltre 50 mln di euro le richieste di offerta giunte a Vado da tutta Italia in soli sei mesi di attività, tra queste una gru Ship to Shore per Reefer Terminal e alcune gru Grab Unloader di nuova concezione per Savona e Genova. Qualora le offerte si tramutassero in ordini sarebbe il nostro personale di Vado Ligure a doversi occupare delle lavorazioni e degli avviamenti degli impianti con conseguenti importanti ripercussioni sull’occupazione”, conclude Mistrangelo.

[image:5135:c:s=1]

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.