IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rifiuti, a Cairo corteo di protesta contro la discarica della Filippa

Più informazioni su

[thumb:5198:l]Cairo M. Oltre 500 persone hanno manifestato questa mattina a Cairo Montenotte per protestare contro la discarica per rifiuti speciali della Filippa, considerata un sito pericoloso per l’ambiente e la salute dei cittadini. Il corteo, con in testa il sindaco di Cairo Fulvio Briano e i responsabili dell’associazione Salute Ambiente Lavoro, è partito dalla strada che conduce alla discarica della Filippa per poi dirigersi in prossimità dell’ingresso di Cairo, sulla Provinciale 29, che è stata bloccata per un breve periodo.
Continua quindi il braccio di ferro tra Comune di Cairo e Provincia di Savona, come confermano le parole del primo cittadino cairese: “Noi andremo avanti per la nostra strada e faremo tutto quanto è possibile per impedire che i rifiuti siano stipati nel sito della Filippa. Sono convinto che il prossimo 7 febbraio il Tar prenderà la giusta decisione”. La seduta del Tribunale amministrativo dovrà infatti esaminare la richiesta di sospensiva presentata da Comune ed Associazione, con il ricorso contro l’autorizzazione alla discarica rilasciata dalla Provincia.
Così commenta Mino Ferrari, dell’associazione Salute Ambiente Lavoro: “Alcune persone nella nostra zona si sono ammalate. Non abbiamo prova che la responsabilità sia della discarica, ma non siamo neanche sicuri che qui vengano stoccati solo degli inerti, e comunque anche in questo caso esiste già a 18 km da qui il sito di Bossarino. Non vediamo quindi la necessità di avere anche questa discarica qui da noi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da augusto

    Capisco che non faccia piacere a nessuno avere una discarica ma non bisogna fare disinformazione.
    La Filippa ha già avuto piu’ volte dei controlli a sorpresa da parte degli enti preposti per denunce anonime che raccontavano di depoisiti di materiale radioattivo. Non é stato trovato niente. La Filippa non è ancora operativa. Come fanno a dire che ha già provocato delle malattie ?? Si tratta di materiali NON tossici NON radioattivi e NON contaminanti. Chi parla s’informi bene prima e cerchi di informare e non disinformare . Il Sig.ferrari spieghi ai lettori come si possono essere ammalate delle persone a causa di una diiscarica non ancora attiva e non autorizzata a ricevere materiali radioattivi o periicolosi. La Filippa porterà lavoro ed occupazione . Avete mai pensato alle nostre famiglie che avranno la possibilità di lavorare a casa ed all’indotto che potrà arrivare ?.
    Il Sig. Ferrari informi il pubblico quale sono i materiali autorizzati ad essere smaltiti e la loro effettiva pericolosità. Informi sulla formazione geologica del terreno e tutte le analisi effettuate prima e durante l’iter burocratico. Grazie per l’attenzione .